Mastrogiorgio, l’infermiere che terrorizza i napoletani

Un personaggio ricorrente nei modi di dire napoletani da più di 300 anni: quest'uomo è veramente esistito? E chi era?
Mastrogiorgio litografia

“Tanto ruotarono i pazzi, che gettarono Mastrogiorgio dentro al pozzo!”

La figura di Mastrogiorgio è popolarissima nell’immaginario collettivo dei Napoletani da più di 400 anni. Nei racconti dei nonni è disegnato come il tipico uomo violento e severo, che sul lavoro prende decisioni drastiche ed dolorose. Ma la sua storia è tutto un mistero.
Forse era veramente un diavolo. Oppure, per il suo tempo, poteva essere definito luminare, chissà. Probabilmente si chiamava Giorgio Cattaneo, era un infermiere presso l’ospedale degli Incurabili e visse nel 16° secolo, secondo le ricerche fatte da Enrico Bonocore nel 1907.

All’epoca di Mastrogiorgio, infatti, l’Ospedale degli Incurabili ospitava una sezione dedicata ai malati di mente e lui era un medico che operava proprio lì: fu l’inventore di un metodo economico e veloce per curare i pazzi, dato che, secondo le sue convinzioni, le origini della pazzia erano dovute ad “una concentrazione eccessiva di nervi nelle tempie”.
Il metodo correttivo era semplice: sfinire fisicamente i pazienti, legandoli ad una immensa e pesantissima ruota, costringendoli a girare all’infinito attorno ad un pozzo. Non contento, il trattamento dei “malati” era arricchito con scudisciate e bastonate.
Alla fine della “cura”, i pazzi avrebbero dovuto bere “cient’ova fresche“. Poi, secondo Mastrogiorgio, ci sarebbe stata una miracolosa guarigione per i sopravvissuti.

Non si hanno ulteriori informazioni sulla vita o su eventuali scritti di quest’uomo, dato che tutti i documenti sono andati persi nell’incendio dell’Ospedale degli Incurabili del 1794.

Ecco quindi che prende forma la sua figura violenta e risolutiva, che i nonni a volte invocano dicendo “chiamo il Mastrogiorgio!” per indicare che presto arriverà una persona in grado di risolvere i problemi con risoluzioni drastiche e decise.

Nell’immaginario collettivo del detto popolare, invece, dopo tanto lavoro i pazzi riuscirono a rinsavire per un attimo solo, in modo tale da buttare Mastrogiorgio nel pozzo e liberarsi delle torture infernali che gli venivano inflitte.

Insomma, i pazzi non saranno stati curati, ma l’idea della vendetta l’hanno imparata bene.

-Federico Quagliuolo

More from Federico Quagliuolo

Francesco De Sanctis, il genio della letteratura italiana

Francesco De Sanctis. Un nome che, solo leggendolo, deve far inchinare generazioni...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *