Mastrogiorgio, l'infermiere che terrorizza i napoletani

Mastrogiorgio, l’infermiere che terrorizza i napoletani

Mastrogiorgio litografia

“Tanto ruotarono i pazzi, che gettarono Mastrogiorgio dentro al pozzo!”

La figura di Mastrogiorgio è popolarissima nell’immaginario collettivo dei Napoletani da più di 400 anni. Nei racconti dei nonni è disegnato come il tipico uomo violento e severo, che sul lavoro prende decisioni drastiche ed dolorose. Ma la sua storia è tutto un mistero.
Forse era veramente un diavolo. Oppure, per il suo tempo, poteva essere definito luminare, chissà. Probabilmente si chiamava Giorgio Cattaneo, era un infermiere presso l’ospedale degli Incurabili e visse nel 16° secolo, secondo le ricerche fatte da Enrico Bonocore nel 1907.

All’epoca di Mastrogiorgio, infatti, l’Ospedale degli Incurabili ospitava una sezione dedicata ai malati di mente e lui era un medico che operava proprio lì: fu l’inventore di un metodo economico e veloce per curare i pazzi, dato che, secondo le sue convinzioni, le origini della pazzia erano dovute ad “una concentrazione eccessiva di nervi nelle tempie”.
Il metodo correttivo era semplice: sfinire fisicamente i pazienti, legandoli ad una immensa e pesantissima ruota, costringendoli a girare all’infinito attorno ad un pozzo. Non contento, il trattamento dei “malati” era arricchito con scudisciate e bastonate.
Alla fine della “cura”, i pazzi avrebbero dovuto bere “cient’ova fresche“. Poi, secondo Mastrogiorgio, ci sarebbe stata una miracolosa guarigione per i sopravvissuti.

Non si hanno ulteriori informazioni sulla vita o su eventuali scritti di quest’uomo, dato che tutti i documenti sono andati persi nell’incendio dell’Ospedale degli Incurabili del 1794.

Ecco quindi che prende forma la sua figura violenta e risolutiva, che i nonni a volte invocano dicendo “chiamo il Mastrogiorgio!” per indicare che presto arriverà una persona in grado di risolvere i problemi con risoluzioni drastiche e decise.

Nell’immaginario collettivo del detto popolare, invece, dopo tanto lavoro i pazzi riuscirono a rinsavire per un attimo solo, in modo tale da buttare Mastrogiorgio nel pozzo e liberarsi delle torture infernali che gli venivano inflitte.

Insomma, i pazzi non saranno stati curati, ma l’idea della vendetta l’hanno imparata bene.

-Federico Quagliuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
La fontana del Leone a Mergellina: tra l'amore di un principe e l'imbroglio di uno scultore

La fontana del Leone a Mergellina: tra l’amore di un principe e l’imbroglio di uno scultore

  Nella zona di Mergellina, dove lussuosi palazzi e nobili passeggiate contemplano il mare, c’è una fontana. Quest’ultima, oggi conosciuta come “la fontana del Leone“, possiede una storia piuttosto frastagliata…
La Ferdinando I: la prima nave a vapore in Italia

La Ferdinando I: la prima nave a vapore in Italia

Il Piroscafo Ferdinando I solcò i mari del Mediterraneo per la prima volta nel 1818. Conoscete la sua storia?
La Befana e Napoli: un amore lungo 2000 anni

La Befana e Napoli: un amore lungo 2000 anni

Ogni anno si festeggia la befana a Piazza Mercato, una tradizione che a Napoli va avanti da migliaia di anni: chi era la Befana? E perché Napoli la ama?
Le origini del Sartù

Le origini del Sartù

“O’ riso scaldato era na zoza Fatt’a SARTÙ, è tutta n’ata cosa Ma quale pizz’e riso, qua timballo! Stu sartù è nu miracolo, è nu sballo. Ueuè, t’o giuro ‘ncopp’a…