Chiostro Clarisse Santa Chiara

Il Chiostro delle Clarisse a Santa Chiara

Chiostro Clarisse Santa Chiara

È difficile non notare il suo tetto verde quando si guarda Napoli dall’alto ed è sicuramente impossibile non meravigliarsi innanzi alla sua mole passeggiando per Spaccanapoli; di cosa sto parlando? Ma della Chiesa di Santa Chiara! Ora, sebbene la Chiesa sia molto conosciuta ed anche assiduamente visitata , essa cela con la sua grande mole gotica un gioiello assoluto di arte partenopea: il chiostro maiolicato delle Clarisse.

Questo incantevole luogo è incorniciato da un quadriportico affrescato risalente al periodo di edificazione della chiesa e del monastero, quindi alla prima metà del Trecento. La parte centrale del chiostro fu ampiamente modificata nel 1742 da Domenico Antonio Vaccaro, il quale vi dispose 72 pilastri a pianta ottagonale, rivestiti da maioliche disegnate dallo stesso Vaccaro e realizzate da Donato e Giuseppe Massa.

Questi pilastri sono intervallati da sedili ,anch’essi maiolicati, sui quali sono raffigurate scene di vita agreste o marinara, mentre sui pilastri sono raffigurati motivi vegetali. I pilastri e i sedili costituiscono due grandi viali che si incrociano al centro, circondati da ampie aree- giardino destinate ad agrumeti. Il chiostro sorge su delle antiche terme romane, oggi visibili all’interno del museo dell’Opera.

Sebbene questo sia una vera oasi di silenzio e pace, anche il chiostro di Santa Chiara si trova ad essere protagonista di una delle tante leggende che vengono tramandate dal popolo partenopeo. Infatti si dice che qui aleggi il fantasma della regina Giovanna I d’Angio, la quale, dopo essere stata assassinata nel castello di Muro Lucano ,non fu sepolta in terra consacrata, ma gettata in una fossa comune. Un’altra interpretazione però riporterebbe che il fantasma non sia quello di Giovanna I ma di Sancha di Maiorca, moglie di Roberto d’Angiò, che alla sua morte fu costretta a prendere i voti. Si dice che chiunque incroci gli occhi di questa anima in pena , lascio a voi decidere se questa sia Sancha o Giovanna, sia destinato a morire all’istante.

Non bisogna farsi intimorire da questa storia: questo meraviglioso chiostro, perché davvero vi lascerà senza fiato. Un incrocio meraviglioso tra arte gotica e barocca, fuse insieme in un trionfo di colori e forme che aspettano solo di poter accogliere visitatori per avvolgerli in questa atmosfera senza tempo.

-Gaia Borrelli

Storie di Napoli è il più grande sito web dedicato alla cultura napoletana. È e sarà sempre gratuito, ma dietro c'è tanto lavoro fatto di notti insonni, ricerche, viaggi e sopralluoghi.
Sostieni le nostre ricerche con una donazione!






Il Chiostro delle Clarisse a Santa Chiara
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Tavola Strozzi: testimonianza della Napoli aragonese

Tavola Strozzi: testimonianza della Napoli aragonese

A volte ci pensiamo. Come sarebbe bello, anche solo per un momento, ritornare in un passato mai vissuto, e dare un’occhiata alla magia delle epoche a noi lontane. Perchè il passato, bello o brutto, ha sempre un retrogusto particolare. Nella realtà non si può, ma con un po’ di immaginazione diventa possibile; specie se davanti un dipinto come Tavola Strozzi, che riesce a farci immedesimare nella Napoli del Quattrocento.
La chiesa di S.Pietro a Majella

La chiesa di S.Pietro a Majella

Fotografia di Federico Quagliuolo e testo di Valerio Iovane. “San Pietro a Majella”: un nome singolare per un conservatorio di musica, vero? E soprattutto: cosa c’entra Napoli con i lontani…
La dimenticata Cappella Pappacoda

La dimenticata Cappella Pappacoda

“Cappella Pappacoda” è un nome che non risulta familiare a tutti i frequentatori del Largo Giusso, nonostante l’edificio si trovi proprio in mezzo ai palazzi gialli, incastrato in un angolino…