La madonna del Soccorso che vinse Carlo V

La madonna del Soccorso che vinse Carlo V

10659028_1459097931036335_6066846869389600618_o

San Pietro a Maiella – La Madonna del Soccorso

Solo davanti alla madonna il condottiero si inginocchiò e si arrese. Di chi parliamo? Del figlio di Carlo V, Don Giovanni d’Austria, che sconfisse gli Ottomani dopo una furiosa battaglia nei pressi di Lepanto. Infatti, prima della battaglia, il comandante della flotta della Lega Santa, chiese la grazia alla “ Madonna del Soccorso” e, secondo le cronache del tempo, fu proprio grazie alla protezione della santa madre che lo scontro andò a buon fine. Si narra che in seguito al conflitto, nella chiesa di San Pietro a Maiella, l’intero esercito armato depose le proprie armi di fronte all’ immagine sacra per ringraziarla del dono ricevuto. La chiesa di S. Pietro a Maiella, ospita ancora questa icona, risalente al lontano 300’, ormai consumata dal tempo e dalla memoria. E così scopriamo che una storia di cinquecento anni fa non è poi così distante nel tempo: come questa madonna guardò con volto severo il prode condottiero, adesso guarda voi. Siete curiosi di sapere anche la storia della chiesa? Quella ve la racconteremo la settimana prossima.

– Valerio Iovane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Lo Scoglio di Rovigliano: dalle fatiche di Ercole al fantasma della torre

Lo Scoglio di Rovigliano: dalle fatiche di Ercole al fantasma della torre

  Oggi ci spostiamo in provincia, in particolare al confine tra Torre Annunziata e Castellammare di Stabia. Nei pressi della foce del fiume Sarno troviamo un isolotto, conosciuto da molti…
La Ferdinando I: la prima nave a vapore in Italia

La Ferdinando I: la prima nave a vapore in Italia

Il Piroscafo Ferdinando I solcò i mari del Mediterraneo per la prima volta nel 1818. Conoscete la sua storia?
Le teste di moro, il dolce fra Napoli e l'Africa

Le teste di moro, il dolce fra Napoli e l’Africa

Le piccole “Teste di moro” sui banchi delle pasticcerie sono la dimostrazione che Napoli è una storia di culture che si intrecciano, di gente che va e gente che viene. Ciascuno…