I simboli misteriosi sulla facciata del Gesù Nuovo

I simboli misteriosi sulla facciata del Gesù Nuovo

I simboli misteriosi sulla facciata del Gesù Nuovo

Quale è il significato dei simboli sul bugnato della Chiesa del Gesù Nuovo?

Guardando i segni sbiaditi sotto ogni rilievo del bugnato caratteristico del palazzo, infatti, si notano delle lettere o delle incisioni che risalgono ai tempi della costruzione dell’edificio. In 500 anni sono state proposte decine di teorie, dalle più fantasiose alle più realistiche.

La tesi più accreditata individua nei simboli i nomi delle cave dalle quali è stata estratta la pietra per costruire il palazzo, in modo da stabilire il compenso per i lavoratori (che erano pagati a cottimo).

Il popolo, che invece ama fantasticare, immagina in quelle pietre dei simboli magici utilizzati dall'”eretica” famiglia Sanseverino per incanalare energie positive verso la propria casa.

Delle tantissime tesi ed ipotesi, recentemente è salita sulla ribalta una leggenda che, nonostante il fascino, è priva di qualsiasi fondamento. L’intera facciata della chiesa sarebbe infatti un immenso spartito: ogni pietra conterrebbe una nota musicale di una antichissima melodia sfuggita alle ristrutturazioni operate nel 1580 dai Gesuiti, quando il palazzo fu trasformato in una chiesa.

Sarebbe proprio questa melodia ad aver salvato la chiesa durante tutti i tentativi di distruzione, dai bombardamenti che distrussero Santa Chiara all’incendio che distrusse l’intero Palazzo Sanseverino. Una trama degna di un film!

I simboli, verosimilmente, potrebbero contenere riferimenti oggi indecifrabili. La “corporazione dei Pipernieri” era infatti una vera e propria setta, con regole, culti e una fitta simbologia. Ne è un esempio la leggenda del Santo Graal a Soccavo, rivelatosi un altro simbolo dei pipernieri.

-Federico Quagliuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
"Fate presto" di Andy Warhol: quando la terra trema e l'arte chiede aiuto

“Fate presto” di Andy Warhol: quando la terra trema e l’arte chiede aiuto

“Fate presto” di Andy Warhol: quando la terra trema e l’arte chiede aiuto “Napoli, come New York, è una città che cade a pezzi e nonostante tutto la gente è…
La prima lavatrice italiana fu progettata a Napoli

La prima lavatrice italiana fu progettata a Napoli

Sapevate che la prima lavatrice italiana fu costruita a Napoli nel Regno delle due Sicilie? Fu un progetto di Luigi Armingaud del 1851!
Harukichi Shimoi copertina

La storia di Harukichi Shimoi, il “Samurai napoletano”

Cent’anni fa viveva a Napoli un professore giapponese. Era il migliore amico di D’Annunzio e convinse addirittura Mussolini a diventare la mascotte di una bibita gassata. Ma, soprattutto, parlava solo in napoletano. Un personaggio controverso e dalla storia appassionante
Le origini di Port'Alba

Le origini di Port’Alba

Era chiamata dal popolo “Porta Sciuscella” per gli alberi di carrube presenti negli orti vicini e ora la cultura si aggrappa a quella che conosciamo come Port’Alba, una delle antiche…