Palazzo Spinelli di Laurino: un luogo di storia e mistero

Palazzo Spinelli di Laurino: un luogo di storia e mistero

Palazzo Spinelli di Laurino interno

Palazzo Spinelli di Laurino è uno degli edifici più importanti del centro storico nonché di Napoli stessa; la sua costruzione è avvenuta intorno al XV secolo ed è appartenuto anche a nientepopodimeno che Giovanni Pontano . La sua architettura è di grande pregio anche se, come potete vedere, il suo stato attuale non è dei migliori, sebbene i proprietari abbiano fatto restaurare recentemente la facciata dell’edificio .

Arte e bellezza


Una lapide del 1767, posta tra le due rampe della scala, ricorda il restauro voluto dal nobile Troiano Spinelli, il quale affidò i lavori al grande architetto Napoletano Ferdinando Sanfelice, artefice anche delle scalinate all’interno del palazzo. In alto, al centro del cortile, si trova un orologio costituito da maioliche con sopra la statua dell’Immacolata , circondata da altre dodici statue raffiguranti temi allegorici. Invece nella parte inferiore del cortile possiamo ammirare otto medaglioni raffiguranti temi mitologici.

Una storia cruenta

Ma quest’edificio è interessante solo per la sua architettura? Ebbene no! Difatti anche questo nobile e maestoso palazzo di Napoli possiede la sua dose di mistero.
Si dice che qui (precisamente sullo scalone principale ) vaghi l’anima di una giovane fanciulla di nome Bianca, la quale era la damigella della nobildonna Lorenza Spinelli. Lorenza era una donna crudele ed egoista che non si curava affatto del principe consorte. La storia vuole che un giorno il principe si sia recato dalla moglie per porgerle i suoi saluti , visto che stava partendo per la guerra. Essendo stato poco considerato dalla moglie egli guardò la giovane Bianca, che stava pettinando i capelli alla nobildonna, la quale a sua volta lo guardò con sguardo compassionevole. Questo sguardo agli occhi di Lorenza fu una prova del tradimento del marito con Bianca, che fu murata viva in una delle tantissime stanze del palazzo.

Si dice che la povera fanciulla abbia pronunciato la minaccia che sarebbe ritornata prima o poi nel bene o nel male , ed è per questo che secondo la leggenda ella appare ai membri della famiglia Spinelli ogni qual volta stia per accadere una sventura o un lieto evento.

-Gaia Borrelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Piscinola San Francesco di Sales

Il Real Stabilimento dedicato a San Francesco di Sales

“Il Real Stabilimento dedicato a San Francesco di Sales” Le fonti, narrano dell’arrivo a Napoli nel 1691, di quattro suore appartenenti all’ordine salesiano. Tre di queste suore erano di provenienza…
Il "Tributo dell'olio della Madonna", una antichissima prova di ubbidienza per la Camorra

Il “Tributo dell’olio della Madonna”, una antichissima prova di ubbidienza per la Camorra

La tradizione del tributo dell’olio della Madonna è un atto di ubbidienza antichissimo che, quando la Camorra si chiamava ancora Onorata Società, richiedeva a tutti i carcerati. Il rituale ha…
San Giorgio, il santo in comune fra Napoli e Genova

San Giorgio, il santo in comune fra Napoli e Genova

Napoli e Genova condividono un santo speciale: San Giorgio l’ammazzadraghi.  La leggenda Giorgio era un cavaliere della Cappadocia che viaggiava con uno scudo biancocrociato e che si recò nel IV…