Il giardino napoletano di Benevento

Il giardino napoletano di Benevento

10615363_1513955898883871_6156669887027853674_n

Napoli e Benevento: una è la capitale dell’antichissimo ed orgogliosissimo Sannio, l’altra è la capitale del Sud Italia.
Due città, due sorelle distanti solo 100 chilometri, ma che, sin dal Medioevo, hanno visto le loro storie intrecciate in modo inestricabile.
E se vi dicessi che addirittura anche le due ville comunali sono imparentate?

La Villa Comunale di Benevento, infatti, fu progettata nel 1879 da un tale Alfredo Dehnhardt, un cognome tedesco di certo poco diffuso in Campania: all’epoca era il direttore dell’Orto Botanico di Napoli e, soprattutto, uno dei massimi esperti di piante esotiche al mondo.

Durante il 19° Secolo, infatti, tanti tedeschi si innamorarono di Napoli e decisero di stabilirsi nella seconda città più grande d’Europa, in cerca di fortuna o in cerca di cultura.
Fra questi ci fu un importantissimo scienziato tedesco che per tutto il 1800 curò i giardini di Napoli, dal Bosco di Capodimonte all’Orto Botanico: Federico Dehnhardt, il padre di Alfredo.

Il padre fu un uomo così importante per il suo tempo che ancora oggi nel Bosco di Capodimonte c’è un busto che lo ricorda. Noi ne parliamo qui: http://0ff.a66.myftpupload.com/il-bosco-di-capodimonte-parla-tedesco-la-storia-del-dottor-dehnhardt/

Il figlio ereditò dal padre l’amore per le piante e proseguì tutti i lavori di ricerca lasciati in sospeso da Federico al momento della morte fino a quando, nel 1879, gli fu dato l’incarico di progettare la nuova Villa Comunale di Benevento.
Alfredo sognava di creare una passeggiata con le bellissime vedute delle colline beneventane in lontananza, un po’ come il mare di Napoli funge da sfondo per la Villa Comunale.
Ci riuscì.
Non contento, Dehnhardt volle aggiungere un ulteriore tocco napoletano alla Villa di Benevento: la cassa armonica, infatti, riprende gli stessi temi di quella disegnata da Alvino circa vent’anni prima (ma costruita solo nel 1877!).
E così, fra le tante storie che legano Benevento e Napoli, c’è anche quella di un giardino che parla napoletano (…e un po’ di tedesco!)

-Federico Quagliuolo

Sostieni Storie di Napoli con una donazione o con un Patreon!

https://storienapoli.it/sostieni-storie-di-napoli/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like