Fontana Secondigliano

La fontana abbandonata di Capodichino

Fontana Secondigliano

Oggi ci troviamo a Capodichino e vogliamo raccontarvi una storia che non vi parla di orgoglio e vanti, ma che ruota attorno a una storica fontana.

Una fontanella rovinata è l’ultima testimonianza delle antiche tradizioni contadine della periferia di Napoli, oggi completamente abbandonata.

Calata Capodichino fu infatti una strada voluta da Ferdinando IV per collegare le terre di lavoro di Secondigliano al centro della città. (La strada però era assai famosa fra i napoletani, dato che era considerata pericolosissima e piena di ladri!).

Il cammino da Secondigliano a Piazza Mercato, però, era piuttosto lungo e gli animali avevano bisogno di un punto di ristoro a metà strada, in modo da bere e riposarsi.
Ci vorranno 150 anni dalla nascita della strada per vederlo sorgere: ci pensò con una donazione spontanea la Duchessa Elena D’Aosta, discendente della nobilissima famiglia dei regnanti francesi D’Orleans: Elena, infatti, era legata a Napoli da un fortissimo affetto, tanto da trasferirsi nella Reggia di Capodimonte fino alla sua morte.
Amatissima dai napoletani, ricambiava l’affetto della popolazione finanziando la costruzione di opere pubbliche, fra cui proprio questa fontana ed altre, come quella di Capodimonte.
I residenti più anziani di Secondigliano e Capodichino ancora oggi ricordano i propri genitori che portavano gli animali ad abbeverarsi alla fontana, prima di scendere al mercato a vendere i prodotti della terra.

Poi finì la guerra, arrivò il benessere, i palazzi, l’urbanizzazione: le campagne diventarono cemento e gli animali morirono nelle stalle per far posto alla Vespa e alla nuova Fiat 500.

E la fontana, dopo gli anni ’80, fu lasciata fra le erbacce, la spazzatura e le siringhe dei tossici. Oggi il muro sul quale è posizionata è in pessime condizioni e rischia di trasformarsi nella lapide di una piccola parentesi della storia umile di Napoli.

-Federico Quagliuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
I Queen, un delitto d'amore e Ruggero Leoncavallo

I Queen, un delitto d’amore e Ruggero Leoncavallo

I Queen, un delitto d’amore e Ruggero Leoncavallo   Una questione tutta meridionale, un ponte che collega il lontano 1892 con il 1984; l’America con Napoli; Milano con Cosenza. Tempi, epoche, luoghi…
La storia di Via Scarlatti

La storia di Via Scarlatti

Via Scarlatti: la Gran Via del Vomero, la Rambla del quartiere borghese della città. Se in Italia tutte le strade portano a Roma, al Vomero tutte le strade portano a…
L’Arena Flegrea: il più grande teatro all’aperto del Sud Italia

L’Arena Flegrea: il più grande teatro all’aperto del Sud Italia

L’incredibile storia dell’Arena Flegrea: il più grande teatro all’Aperto del Sud Italia costruita per due volte dallo stesso architetto.
La Biblioteca Nazionale di Napoli: un mondo di libri

La Biblioteca Nazionale di Napoli: un mondo di libri

La prima volta che entrai nella Biblioteca Nazionale di Napoli avevo 14 anni. Mi ci portò mia madre, diceva che si trattasse di un posto speciale. Ero in quarto ginnasio e mi stavo allora avvicinando alle prime letture un po’ più serie. Non potevo capire a pieno il valore di tutte quelle opere lì conservate, tutti quei titoli e quegli autori erano per me del tutto sconosciuti.