Piscina Mirabilis: la cisterna romana che si crede una Cattedrale

Piscina mirabilis

La Piscina Mirabilis è conosciuta dalla gente di Bacoli, ma è un vero e proprio tabù per i turisti. Fungeva in epoca Romana da cisterna per l’acqua potabile, ma non si trattava di una cisterna qualsiasi: era la più grande cisterna romana conosciuta nei tempi antichi. Basti pensare che ha una capienza di ben 12.000 metri cubi, ed è alta 15 metri, lunga 70 metri e larga 25 metri, con 48 pilastri che sorreggono un soffitto cosparso ordinatamente di 48 volte a botte.

Insomma, risulta essere una costruzione di proporzioni mastodontiche, considerando che venne costruita durante il periodo Augusteo, praticamente due millenni fa. Ma non sono solo le proporzioni dell’edificio a destare meraviglia: l’acqua che riempiva la cisterna proveniva per tramite dell’Acquedotto Augusteo dal fiume Serino, per una distanza dalla sorgente di ben 100 km, consentendo l’approvvigionamento per la Classis Misenensis, la più importante flotta dell’Impero Romano all’epoca.

Attualmente è difficile capirne le dimensioni senza visitarla dall’interno: in un primo impatto, infatti, c’è solo un piccolo cancello che porta ad una scalinata, , ma le cicatrici del tempo la rendono ancora più bella, più maestosa, più navigata. La natura l’ha ridipinta con colori suggestivi e unici, rendendola un luogo di grande impatto, sia per dimensioni che per giochi di luci. Occasionalmente è utilizzata per scopi artistici e culturali, concedendosi a mostre ed eventi in genere grazie all’atmosfera estemporanea che suscita.
Le modalità di accesso sono purtroppo poco pratiche, se rapportate all’importanza del sito. Bisogna contattare tramite cellulare un custode con il quale concordare un appuntamento per la visita. L’ingresso è gratuito e il numero di telefono è fornito sul sito del Ministero.

C’è una struttura identica alla nostra Piscina Mirabilis: si chiama “Cisterna Basilica” e si trova a Istanbul, in Turchia. Nella stessa Istanbul sono conservate altre cisterne di epoca bizantina

In ogni caso la Piscina Mirabilis è senza dubbio una buona fetta dell’animo storico di Bacoli, nonché della storia della Campania. Un capolavoro dell’ingegneria Romana, che è pervenuto sino ai giorni nostri affrontando catastrofi naturali di ogni genere.

Per visitarla, vi lasciamo il link del Parco Archeologico dei Campi Flegrei

-Guido Daniele Villani e Federico Quagliuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like