Fate le zeppole di San Giuseppe, non fate la guerra!

Fate le zeppole di San Giuseppe, non fate la guerra!

Fate le zeppole di San Giuseppe, non fate la guerra!

19 marzo, festa del papà o meglio dire: festa di San Giuseppe che oltre ad essere il protettore dei falegnami e degli artigiani è anche il protettore i poveri.

Data la coincidenza di questa data con la fine dell’inverno, i contadini in passato solitamente bruciavano cumuli di legna per ripulire i campi. Ancora oggi infatti questa tradizione è viva in Italia.

È una ricorrenza molto sentita a Napoli quella della festa di San Giuseppe: sulle tavole dei concittadini infatti non può mancare la famosa zeppola conosciuta in tutta Italia e anche oltreoceano per via dei viaggi degli emigranti.

Alcuni dicono che sarebbe stata inventata da un cuoco dei Borbone a cui sarebbe stato chiesto di preparare un dolce per la Quaresima privo di uova e di grassi animali che allora erano proibiti; altri attribuiscono l’invenzione di questo dolce sia alle suore di San Gregorio armeno sia a quelle dello Splendore ma sempre e comunque una creazione tutta made in Napoli.

La prima ricetta scritta delle zeppole è di Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino che nel 1837 rifacendosi alla frittella dei romani fritta nello strutto, ci presenta le sue zeppole. La farcitura di quest’ultima però la si deve al pasticcere napoletano Pasquale Pintauro che il 19 marzo 1840, immerse per la prima volta nell’olio la zeppola di San Giuseppe per poi guarnirla di crema pasticciera. Oggi il caro Pintauro però è ben più famoso per la sua sfogliatella, che continua ad esser sfornata ogni giorno nella pasticceria in via Toledo.

Giovanni Bideri nel suo “passeggiata per Napoli e contorni” scrive: “Napoli inventó le zeppole/ tutta l’Italia/ se ne leccó le dita”, lo ha raccontato anche Angelo Forgione nel suo blog.

Fritta o al forno, con le amarene sciroppate o senza, la zeppola è un dono che Napoli fa a l’Italia intera.

Non mi resta che augurarvi buon appetito!

-Mariagiovanna Guillaro

Fotografia di Renata D’Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
L'inaugurazione del Porto di Ischia, l'opera che cambiò la storia dell'isola

L’inaugurazione del Porto di Ischia, l’opera che cambiò la storia dell’isola

Il 17 settembre 1854 per gli ischitani è una data più importante del Natale e del Capodanno: fu infatti il giorno in cui fu inaugurato il moderno Porto di Ischia…
Libreria Tamu: uno sguardo su Oriente, Africa ed altri Sud

Libreria Tamu: uno sguardo su Oriente, Africa ed altri Sud

Era una calda serata di fine Settembre, una di quelle serate in cui l’afa era così opprimente da lasciarti addosso l’odore di scirocco, dall’arabo shurhùq, “vento di mezzogiorno”. Un vento…
La fuga in Egitto: l'usanza di bruciare la pigna

La fuga in Egitto: l’usanza di bruciare la pigna

La fuga in Egitto: l’usanza di bruciare la pigna Il tema della fuga in Egitto è molto radicato nella tradizione meridionale e partico-larmente nella grande tradizione popolare napoletana che è…