Il coccodrillo del Maschio Angioino come fa?

Il coccodrillo del Maschio Angioino come fa?

fossa del coccodrillo

Napoli è la città del mare, e con essa non possono mancare le leggende sui mostri marini. La leggenda di questa sera ce la racconta l’illustre Benedetto Croce che, tra misteri e curiosità, rivela l’anima più nascosta della città partenopea.

Ci troviamo verso la fine del ‘400, l’unico figlio maschio di Alfonso, Ferdinando d’Aragona, si ritrovò a far un incontro molto particolare.

Il Maschio Angioino, chiamato un tempo Castel Nuovo, era ricco di cunicoli e fosse, una di queste era adibita a punizione estrema, ovvero: chi più faceva arrabbiare il sovrano era destinato a cascarci e a rimanerci per lungo tempo. Ma, man mano che i prigionieri cascavano, ci si rendeva sempre più conto della periodica sparizione di questi. I sospetti aumentavano e la teoria più condivisa era quella di una presunta galleria che conducesse i prigionieri alla libertà. Ma un giorno, mentre l’ennesimo incauto che aveva fatto arrabbiare il sovrano veniva lanciato nella fossa, si sentirono strani rumori ed un grande mostro apparve. La teoria era così in parte giusta, un’uscita segreta dalla fossa c’era, ma nessuno dei prigionieri era mai riuscito ad attraversarla sulle proprie gambe, giacchè il terribile mostro, il tenero bestione, per i più dotti: il coccodrillo, era solito arraffare il bottino e trascinarlo per il cunicolo segreto.

Un coccodrillo nelle acque napoletane? Come può esserci arrivato? Il caro Benedetto suppone che l’animale, aggrappato a qualche bastimento sia arrivato dall’Egitto.

Ma per i più maliziosi esiste un’altra versione della storia. Si narra che il coccodrillo sia stato portato dall’Egitto per ordine della regina Giovanna II, una donna dai bollenti spiriti che venivano sedati dai suoi numerosi amanti. Un esercito di uomini dal cuore stregato che la donna non esitava a dare in pasto al coccodrillo!

Ma, che sia giunto per volere divino o per volere di vino, che fine ha fatto il coccodrillo?

coccodrillo napoli
Il coccodrillo impagliato e appeso ad una delle porte del Castel Nuovo

Ebbene, sempre il caro Benedetto ci fornisce una sua versione della storia: vi ricordate di Ferdinando d’Aragona?Una volta scoperto del coccodrillo ci aveva preso gusto a condannare i prigionieri ad una morte rapida e certa, ma in seguito si rese conte che l’animale sarebbe potuto diventare un pericolo per l’intero castello, così si organizzò una battuta di pesca, ed usando una coscia di cavallo come esca, il coccodrillo abboccò. Una volta ucciso fu impagliato ed esposto fuori al castello.

Nel corso degli anni, il coccodrillo impagliato venne rimosso e conservato chissà dove. I più arditi potrebbero pensare che il coccodrillo esposto al Museo Nazionale sia lo stesso divoratore di prigionieri e amanti, ma ancora una volta Benedetto Croce ci tiene a specificare che l’animale esposto nel museo è di tutt’altra provenienza.

 

 

 

 

 

 

Coccodrillo Maschio Angioino Annamaria Docimo
Il Coccodrillo del Maschio Angioino visto dalla nostra disegnatrice, Annamaria Docimo

 

Allora il mistero rimane, tant’è che nel 2004 dagli scavi delle Metropolitana di Piazza Municipio sono stati rinvenuti i resti di un animale e subito si è pensato al coccodrillo della leggenda, può essere veramente lui?

-Roberta Montesano

– Foto di Federico Quagliuolo

2 comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like
Gianmario Sanzari, il musicista del Centro Storico

Gianmario Sanzari, il musicista del Centro Storico

Quando hai una passione forte l’unica cosa che vuoi fare è condividerla con chi la sua strada non l’ha ancora trovata, regalandogli un po’ della gioia che provi facendo ciò che ami. Se poi quella passione è la musica ed a suonarla è qualcuno come Gianmario Sanzari, restare indifferenti è impossibile.