Sant'Anna dei Lombardi

Sant’Anna dei Lombardi : un pezzo di Firenze a Napoli

Sant'Anna dei Lombardi

Un vero e proprio pezzo di Firenze a Napoli. E’ così che possiamo definire la chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, sita in piazza Monteoliveto; essa non è solo una delle più belle ed interessanti chiese monumentali di Napoli, ma è un esempio, unico nel suo genere, di architettura rinascimentale fiorentina.

Una chiesa che se ne sta lì, quasi in sordina, defilata rispetto alle rotte canoniche dei turisti, eppure a due passi dagli assi viari principali del centro cittadino. Una facciata quasi anonima, spoglia, rispetto alle abituali facciate pompose e prepotenti delle grandi chiese barocche napoletane. Eppure questa chiesa nasconde moltissime sorprese, un vero e proprio paese delle meraviglie artistiche ed architettoniche.

Il complesso fu fondato nel 1411 Gurello Origlia con il patrocinio del re Ladislao di Durazzo; la chiesa a quel tempo era però dedicata a Santa Maria di Monteoliveto ed era stata affidata ai padri Olivetani.

La chiesa in seguito divenne una delle favorite della corte Aragonese, lo stesso Alfonso I vi intraprese notevoli lavori di ampliamento. La struttura ci fa comprendere come all’epoca dovessero essere stretti i legami tra Napoli e Firenze; non a caso infatti, per la sua costruzione e successiva decorazione intervennero alcuni dei più importanti artisti rinascimentali toscani, Giuliano da Maiano e Antonio Rossellino, artisti che disseminarono il loro genio in città anche in altri (se pur non troppo numerosi) capolavori.

Nel 1798 il re Ferdinando I delle Due Sicilie dispose l’allontanamento dei frati olivetani e nel complesso vi si stabilì l’arciconfraternita dei Lombardi, che all’epoca risiedeva in un’altra chiesa delle vicinanze resa però inagibile. Da quel momento la chiesa venne denominata come la si conosce oggi, Sant’Anna dei Lombardi.

L’architettura di questa chiesa è un vero e proprio simposio di stili, in quanto sicuramente palese è l’impronta rinascimentale datale, impronta che però si fonde con le rimanenze architettoniche gotiche, purtroppo quasi del tutto inglobate e celate dai rimaneggiamenti avvenuti in epoca barocca. Sicuramente di stampo prettamente rinascimentale sono le cappelle laterali, cinque a lato più quattro nel presbiterio, tra le quali spiccano quella dei Piccolomini (antica famiglia fiorentina) e quella Correale. La cappella Piccolomini è infatti la copia di una cappella presente nella celeberrima chiesa di San Miniato al Monte a Firenze.

Nella chiesa è  presente la tomba del famosissimo architetto Domenico Fontana, proveniente dalla distrutta chiesa di Sant’Anna, oltre alle tombe di nobili napoletani e di altri artisti come Francesco Solimena. Nel vasto oratorio che si apre a destra del presbiterio si trova il complesso scultoreo del “Compianto sul Cristo morto” di Guido Mazzoni (1492), formato da otto statue a grandezza naturale, le quali secondo la tradizione rappresenterebbero proprio i sovrani aragonesi.

Da questi ambienti si passa poi nella sagrestia vecchia, in origine refettorio, un ambiente splendido di caratterizzazione gotica con volte a crociera che vennero stuccate e decorate dal maestro Vasari, creando uno degli ambienti più spettacolari di tutta l’architettura napoletana.

Questa chiesa è un vero e proprio gioiello dell’architettura, una summa di arte napoletana e toscana che, fondendosi, creano un’incredibile combinazione di stili e influenze. Un felice connubio che solo qui avrebbe potuto raggiungere questa levatura artistica, essendo infatti Napoli una città crocevia di mille culture che ha saputo trattenere e rielaborare tradizioni, artistiche e non, provenienti dai luoghi più disparati.

– Gaia Borrelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Martuscelli Statua

Domenico Martuscelli e il primo istituto di assistenza ai ciechi

Domenico Martuscelli, un figlio di Napoli che, per primo in Italia, creò un istituto per l’assistenza dei ciechi nella sua città. Una vita appassionante, fatta di sacrificio ed amore verso i più deboli
Punta Campanella e l'antichissimo sentiero di Minerva

Punta Campanella e l’antichissimo sentiero di Minerva

Punta Campanella è l’estrema terminazione della penisola sorrentina, l’orlo di terra dal quale la bella isola di Capri sembra distare soltanto pochi passi. Per accedervi bisogna percorrere a piedi un lungo sentiero fatto di ciottoli bianchi e voci sottili della natura. La bellezza del territorio, la suggestione del panorama con le isole incastrate nel mare e la posizione strategica per i traffici marittimi hanno fatto sì che la zona fosse frequentata fin dall’VIII sec. a.C.
Kayak Napoli: la città da un altro punto di vista

Kayak Napoli: la città da un altro punto di vista

Kayak Napoli: la città da un altro punto di vista Quando siamo abituati a guardare qualcosa dallo stesso punto di vista, cambiare prospettiva ci lascia sensazioni forti che spesso sono…
Le origini di Port'Alba

Le origini di Port’Alba

Era chiamata dal popolo “Porta Sciuscella” per gli alberi di carrube presenti negli orti vicini e ora la cultura si aggrappa a quella che conosciamo come Port’Alba, una delle antiche…