Alla riscoperta delle tradizioni del Capodanno: lo "sciuscio"

Alla riscoperta delle tradizioni del Capodanno: lo “sciuscio”

Alla riscoperta delle tradizioni del Capodanno: lo “sciuscio”

 

Un altro anno è finito e, come sempre, siamo pronti a dare il benvenuto al nuovo anno che verrà.
In Italia il Capodanno è ricco di tradizioni, ma è indubbiamente la Campania una delle regioni che rimane maggiormente legata alle antiche usanze.
Come per le feste di Natale, anche a Capodanno le famiglie sono solite riunirsi, non solo per lo scambio dei regali, ma soprattutto per il semplice piacere di ritrovarsi insieme a tavola per condividere ghiotti banchetti.
Ma il Capodanno in Campania non è costituito solo da cene, petardi e fuochi d’artificio, è anche e soprattutto passione ed amore per le antiche tradizioni.

Fra queste antiche tradizioni di cui si parla, ce n’è una molto folkloristica legata al mondo musicale.

Tale tradizione porta il nome di “sciuscio” ed ha avuto origine proprio nella città di Napoli.

DSC_0771
Pochi ne avranno sentito parlare… ed infatti, di cosa si tratta esattamente?
La sera del 31 dicembre, secondo le antiche tradizioni dei contadini, gruppi di amici cantavano delle serenate di buon augurio andando di casa in casa.
Coloro che cantavano e suonavano non erano affatto dei professionisti, anzi, i loro erano per così dire dei veri e propri strumenti di fortuna: piatti, pentole ed ogni altro tipo di aggeggio che potesse produrre un qualche suono.
In cambio della loro serenata, i nostri musicisti improvvisati, ricevevano dolci ed altre leccornie provenienti direttamente dal cenone di Capodanno.

Infatti, essi erano proprio soliti suonare sugli usci, dedicando la loro musica al padrone di casa, per augurare buon anno a lui ed a tutta la sua famiglia.
Ancora oggi questa tradizione continua a sopravvivere: può capitare, infatti, di incontrare gruppi formati da giovani musicisti, ma anche da dilettanti, che percorrono la città. Per lo più, però, oggi, questi gruppi sono composti da bambini che, in cambio della loro musica, si aspettano sempre di ricevere dolcetti o, perché no, anche qualche monetina.
Durante il loro cammino tutte le strade e tutte le case sono inondate da gradevoli melodie, melodie che vogliono esser per tutti un augurio di un felice anno nuovo.

 

– Cristina Bianco

Storie di Napoli è il più grande sito web dedicato alla cultura napoletana. È e sarà sempre gratuito, ma dietro c'è tanto lavoro fatto di notti insonni, ricerche, viaggi e sopralluoghi.
Sostieni le nostre ricerche con una donazione!






Alla riscoperta delle tradizioni del Capodanno: lo "sciuscio"
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Il monastero di Santa Maria della Vita

Il monastero di Santa Maria della Vita

Il monastero di Santa Maria della Vita   Una calda mattinata di marzo, un buon caffè e una visita nel cuore della Sanità. Un buffo inizio per un’avventura penserete, ma…
Almost Home, la casa di Rosa Parks arriva al Palazzo Reale di Napoli

Almost Home, la casa di Rosa Parks arriva al Palazzo Reale di Napoli

Sarà in mostra dal 15 settembre al 6 gennaio 2021 la casa dell’attivista Rosa Parks nel cortile d’Onore del Palazzo Reale di Napoli. Ingresso libero per chi vuole visitare il…
I volti di Piazza del Plebiscito

I volti di Piazza del Plebiscito

Qualche nostalgico ricorderà di sicuro la massa compatta di auto che come un tappeto si stendeva su Piazza del Plebiscito a ricoprirla quasi per intero. Correva l’anno 1963, infatti, quando…
"3103": Tommaso Primo racconta il suo viaggio nel futuro

“3103”: Tommaso Primo racconta il suo viaggio nel futuro

” Chi vuole venire a parlare con Tommaso Primo?” Beh, come potevo dire di no! Molto bene, appuntamento a Marechiaro. E Marechiaro sia. Siamo in tre, prendiamo il C31 dal Vomero, arriviamo alla fermata di via Manzoni, scendiamo la stradina di Marechiaro accompagnati dal sole splendente, forse anche un po’ troppo, di un pomeriggio di Settembre.
Le origini del Sartù

Le origini del Sartù

“O’ riso scaldato era na zoza Fatt’a SARTÙ, è tutta n’ata cosa Ma quale pizz’e riso, qua timballo! Stu sartù è nu miracolo, è nu sballo. Ueuè, t’o giuro ‘ncopp’a…