La musica dell'imperatore Nerone

La musica dell’imperatore Nerone

Nerone è uno dei personaggi più controversi della nostra storia. Tutti lo conosciamo sin da piccoli per le sue follie, il suo carattere irascibile ed incontrollabile.

Tutti abbiamo studiato questi aspetti della sua figura sui libri di storia.

C’è da dire, però, che ciò a cui noi vogliamo interessarci oggi è il lato più nascosto della sua personalità, quello di cui meno si parla nei libri di storia, quello che resta meno impresso: il lato artistico. L’imperatore, infatti, aveva una sfrenata passione per tutto ciò che era arte. Appassionato di musica e di canto, amava esibirsi ogni volta che poteva, soprattutto davanti ad un grande pubblico.

Ahimè, però, non possiamo esser certi della sua bravura, dato che nessuno osava criticarlo, anzi, tutti lo lodavano pubblicamente di modo da ottenere maggiori favori dall’imperatore. mostra-nerone_258

Per ora, però, la nostra città sembra avere poco a che fare con Nerone. Ma non è così! Forse non tutti sanno che esattamente nel 63 d.C., l’imperatore si recò proprio a Napoli con un obiettivo ben preciso. Egli, infatti, decise di venire ad esibirsi proprio qui a Napoli, città che considerava molto più artistica e propensa per le belle arti.

E finalmente si esibì. Lo spettacolo si svolse nella cosiddetta Crypta Neapolitana (detta anche Grotta di Posillipo) e si racconta sia stato un vero e proprio successo. Alcuni, addirittura, narrano di un episodio molto particolare: il pubblico, trascinato da un entusiasmo irrefrenabile per l’esibizione dell’imperatore, avrebbe applaudito tanto forte da far cadere parte del luogo di scena.

Nerone, estasiato da tale risultato, continuò ad esibirsi nella città di Napoli, che da sempre continua a contraddistinguersi grazie alla sua passione per le arti.

 

-Cristina Bianco 

 

*la Crypta Neapolitana nella quale Nerone si esibiva era inizialmente dedicata al culto del dio Priapo, successivamente, nel XII secolo, la situazione cambiò. I riti pagani, infatti, furono sostituiti da una festa dedicata alla Madonna: la Madonna di Piedigrotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like
Punta Campanella e l'antichissimo sentiero di Minerva

Punta Campanella e l’antichissimo sentiero di Minerva

Punta Campanella è l’estrema terminazione della penisola sorrentina, l’orlo di terra dal quale la bella isola di Capri sembra distare soltanto pochi passi. Per accedervi bisogna percorrere a piedi un lungo sentiero fatto di ciottoli bianchi e voci sottili della natura. La bellezza del territorio, la suggestione del panorama con le isole incastrate nel mare e la posizione strategica per i traffici marittimi hanno fatto sì che la zona fosse frequentata fin dall’VIII sec. a.C.
Una giornata a Posillipo

Una giornata a Posillipo

ll quartiere di Posillipo ha un nome che è tutto un programma: deriva dal greco Pausilypon, che significa “che fa cessare il dolore” o “tregua dal pericolo”, chiaro riferimento alle…
Un campanile scoppiettante

Un campanile scoppiettante

Mamma d’o Carmine, attenzione.. un campanile scoppiettante! Salve gente, eccoci qui al secondo appuntamento sulle curiosità della Basilica di Santa Maria del Carmine Maggiore. Ho notato con piacere che avete…