La stazione di Salvator Rosa, una fermata che si crede una chiesa

La stazione di Salvator Rosa, una fermata che si crede una chiesa

Quale sarà oggi la nostra stazione? Salvator Rosa!

La stazione metropolitana di Salvator Rosa, aperta al pubblico nel 2001, sicuramente è una delle più caratteristiche fra le stazioni dell’arte. Una seconda uscita è stata aperta nel 2002 ed è anche dotata di scale mobili, le quali conducono nei pressi di Piazza Leonardo.

Sin dall’esterno, infatti, è possibile notare l’immensa cura artistica che vi è stata nell’ideare e nel realizzare la stazione. Basta un’occhiata ai palazzi circostanti per capire immediatamente di cosa stiamo parlando: questi, infatti, sono stati decisamente riqualificati ed abbelliti, fino a diventare delle vere e proprie opere d’arte, durante la costruzione della metropolitana. Eleganza, finezza e buon gusto sono presenti in ogni dove all’interno dei meandri di questa Metropolitana.

La stazione di Salvator Rosa, inoltre, è caratterizzata anche da una costruzione che si sviluppa su più piani. Andiamo a vedere quali sono.

 

Iniziamo dal piano interrato, per meglio dire, dalla vera e propria fermata: lungo il percorso che porta ai binari, infatti, è possibile ammirare diverse installazioni di alcuni artisti fra i quali Raffaella Nappo, Santolo De Luca,etc.

La stazione di Salvator Rosa, una fermata che si crede una chiesa

N. Zullo
Ermafrodito che si autofeconda
Una delle installazioni presenti all’interno della stazione, nel percorso verso i binari 

 

 

 

 

La stazione di Salvator Rosa, una fermata che si crede una chiesa
E. Perino ed L. Vele
A subway è chiù sicur
Un’altra delle installazioni presenti all’interno della stazioni, in questo caso la protagonista indiscussa è la Cinquecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopodichè, una volta usciti dalla metropolitana, basta alzare di poco lo sguardo per trovarsi immersi in un turbinio di colori. Il piano superiore, infatti, è costituito da una bellissima area giochi per bambini, progettata da Salvatore e Mimmo Paladino. I bambini a Napoli sono sempre stati al centro di ogni progetto.La stazione di Salvator Rosa, una fermata che si crede una chiesa

La stazione di Salvator Rosa, una fermata che si crede una chiesa
Ecco le sculture dell’area giochi soprastante la stazione metropolitana

 

Allora cosa aspettate? Fate un salto anche in questa stazione dell’arte napoletana e tuffatevi in un mondo di colori e divertimento!

 

 

 

 

Cristina Bianco

Foto e fonte: anm.it

Sostieni Storie di Napoli con una donazione o con un Patreon!

https://storienapoli.it/sostieni-storie-di-napoli/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
La Vecchia Scorticata

La Vecchia Scorticata

Non voler invecchiare (e non saper invecchiare) è un problema antico ed è per questo che una vecchia “con i capelli radi e scarmigliati, la fronte rugosa e torva, le…
Plissé Papoff: la rinascita di un'arte

Plissé Papoff: la rinascita di un’arte

Plissé Papoff: la rinascita di un’arte Scorrendo veloci fra le minuscole pieghe del cartone le dita producono un rumore ritmato, una melodia che riempie l’aria del laboratorio. Guardare le quattro…
La verità sul mistero di Ettore Majorana

La verità sul mistero di Ettore Majorana

La verità sul mistero di Ettore Majorana! Definire questa storia, “surreale“, sarebbe  eccessivamente riduttivo. E’uno dei misteri più intricati e controversi  della Storia del nostro Paese. Un giovane professore di…