Il palazzo "d' 'o Gas" e le origini napoletane di Degas

Il palazzo “d’ ‘o Gas” e le origini napoletane di Degas

Edgar Degas è sicuramente uno dei pittori più importanti degli ultimi 150 anni. Come dimenticare la celebre “Lezione di danza” o “L’orchestra dell’Opèra“, “Marie Dihau al piano” o “L’assenzio; opere dall’immenso valore economico fuoriuscite da una mente geniale che vedeva nel realismo e nell’impressionismo le correnti pittoriche più adatte alla sua modernità.

Ma che c’entra Edgar Degas con Napoli?

I Degas sono di origini francesi; il nonno Renè Hilaire era un intellettuale di Orleans che partecipò attivamente ai moti della Rivoluzione Francese, ma che scappò nel momento in cui la popolazione decapitò i propri re. Il 16 ottobre del 1793 si scagliò pubblicamente contro il brutale accanimento al passaggio della carretta che trasportava al patibolo la regina Maria Antonietta; inviso ai rivoluzionari, si salvò perché informato in tempo del suo arresto. Troppa violenza per Hilaire: decise di andarsene da Parigi e approdare in un’altra capitale europea. Hilaire Degas scelse di partire alla volta di Napoli, capitale all’avanguardia e famosa in tutto il mondo per le sue bellezze.

Il palazzo "d' 'o Gas" e le origini napoletane di Degas

Nonno Degas aveva imparato la lezione e a Napoli si mantenne lontano da ogni attivismo politico; si dedicò invece alla vita da banchiere e fece la sua fortuna come agente di cambio. A Napoli, nel 1804, sposò la livornese (ma con sangue napoletano) Aurora Freppa e acquistò il palazzo Pignatelli di Monteleone in Calata Trinità Maggiore, a piazza del Gesù. Per intenderci, ci riferiamo al grande palazzone settecentesco giallo dirimpetto alla scuola Genovesi. Oggi è certamente uno dei set cinematografici preferiti dai registi italiani. Ma come ogni parola straniera che giunge a Napoli, anche il cognome di Hilaire Degas fu storpiato dalla popolazione: infatti,  da quel momento il palazzo cambiò nome e divenne per tutti “palazzo do gas”.

Dall’unione nacquero sette figli, tra cui il padre di Edgar Degas: Lorenzo Auguste (Napoli 1809 – Napoli 1879). Dei sette figli (quattro maschi e tre femmine), solo le bambine restarono a Napoli, i maschi tornarono a Parigi, ma tutti e sette i fratelli Degas hanno terminato i loro giorni nel capoluogo campano, e infatti qui sono sepolti.

Edgar Degas nacque a Parigi e all’età di 22 anni decise di partire, per far visita al nonno. Il 17 luglio 1856 Edgar Degas sbarcò a Napoli e subito intuì che questa città aveva da offrirgli grossi stimoli per la sua arte. Qui venne a contatto con la scuola di Posillipo e strinse una grande amicizia con l’impressionista napoletano Filippo Palizzi.

Edgar Degas si ambientò velocemente a Napoli e infatti era solito esprimersi in napoletano; frequentò il Reale Istituto delle Belle Arti e fu impressionato dalla collezione farnese del Museo Nazionale e dalle Catacombe di San Gennaro. Soggiornò, soprattutto d’estate, anche nella casa di campagna del nonno, villa Paternò a San Rocco di Capodimonte. Lì dipinse nel 1856-57 una veduta del vallone con il castello sullo sfondo (“Castel S.Elmo, Napoli, da Capodimonte”), opera conservata a Cambridge. Sempre lì ritrasse il nonno ottantasettenne (Ritratto di Hilaire Degas), un olio su tela conservato nel Musée d’Orsay di Parigi e datato 1857.

Foto di Federica De Franco

Storie di Napoli è il più grande sito web dedicato alla cultura napoletana. È e sarà sempre gratuito, ma dietro c'è tanto lavoro fatto di notti insonni, ricerche, viaggi e sopralluoghi.
Sostieni le nostre ricerche con una donazione!






Il palazzo "d' 'o Gas" e le origini napoletane di Degas
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Torre Caselli (o Villa Bertè): dove si riunivano gli artisti

Torre Caselli (o Villa Bertè): dove si riunivano gli artisti

Torre Caselli è un edificio abbandonato che versa in pessime condizioni in Cupa Imparato, ai Colli Aminei. Un tempo era la Villa di Campagna dei Marchesi Caselli, una famiglia nobiliare di Napoli sin dai tempi dei Normanni. Ma perchè Torre Caselli veniva chiamata fino a qualche anno fa Villa Bertè?