Villa Maria (ex Grand Hotel Eden): l'albergo per i ricchi

Villa Maria (ex Grand Hotel Eden): l’albergo per i ricchi

Villa Maria, ovvero l’ex Grand Hotel Eden, è un edificio grandissimo che si trova tra corso Vittorio Emanuele II e piazza Amedeo. Per intenderci è quel palazzone giallo contornato di maioliche di pregevole fattura. Ma la sua bellezza un tempo era ancora più evidente, visto che era l’unico grande edificio della zona. Ma qual è la storia di questo luogo magico?

Le origini del Grand Hotel Eden

Per comprendere bene lo sviluppo dell’ex Grand Hotel Eden bisogna affondare le radici all’inizio dell’Ottocento. Il re Ferdinando I decise di scomporre in maniera ereditaria tutta la zona boscosa che dal Vomero giungeva alla Riviera di Chiaia. In questa spartizione il francese Felix Genovis riuscì ad accaparrarsi una piccola fetta in quella che oggi è via dell’Olivella. Qui l’imprenditore francese impiantò una fabbrica di profumi e saponi: “L’Abeille d’or“(l’ape d’oro). Il direttore dell’azienda era Julius Hureaut, il quale sposò la figlia di Felix Genovis, Marie Felicitè e mise su una fabbrica di conserve destinate all’esportazione.

Hureaut riuscì ad acquistare i lotti degradanti tra Corso Vittorio Emanuele II e piazza Amedeo e, attraverso l’ingegnere veneto Angelo Trevisan coadiuvato dall’ingegner Gioacchino Luigi Mellucci, innalzò prima la loro villa e nello spazio sottostante fece costruire un hotel di lusso, destinato ai turisti stranieri benestanti. Il Grand Hotel Eden aveva due ingressi da piazza Amedeo e un grandissimo giardino. lo splendore del suo giallo vivace e ricco di maioliche azzurre in stile rinascimentale, le volte con splendidi colonnati e le decorazioni floreali che anticiparono lo stile Liberty napoletano, la copertura a botte della torre centrale di ispirazione veneziana, sono solo alcuni degli incredibili particolari che compongono il palazzo.

Ma gli introiti non erano abbastanza per la famiglia Huraut, e così Julius fu costretto a vendere parte della proprietà e altri immobili che possedeva. Ma la vera fine del glorioso ex Grand Hotel Eden arrivò con l’avvento del Fascismo. Infatti le leggi promulgate da Mussolini prevedevano la proibizione delle attività degli stranieri.

Julius Huraut fu costretto a cedere ogni attività industriale, compreso, suo malgrado, il glorioso Grand Hotel Eden, oggi semplicemente Villa Maria.

Foto di Federica De Franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
L'Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Napoli

L’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Napoli

Napoli, rione Materdei. L’ex ospedale psichiatrico giudiziario viene occupato dai giovani del collettivo CAU ma questa struttura è sempre stata un manicomio? Scopriamolo insieme!
San Giorgio, il santo in comune fra Napoli e Genova

San Giorgio, il santo in comune fra Napoli e Genova

Napoli e Genova condividono un santo speciale: San Giorgio l’ammazzadraghi.  La leggenda Giorgio era un cavaliere della Cappadocia che viaggiava con uno scudo biancocrociato e che si recò nel IV…
chiose filippine

La Divina Commedia a Napoli: quando Dante «teneva ‘e cozzeche»

Il Complesso monumentale dei Girolamini è uno dei più grandi vanti storici e culturali della nostra città. Oggi, in questa sede, non ci occuperemo delle tristi e squallide vicende giudiziarie…