Kagoshima: la Napoli del Giappone

di Francesco Li Volti

Napoli, città unica e inimitabile. Eppure nel lontano Giappone esiste una città molto simile, paesaggisticamente parlando. Si tratta di Kagoshima, capoluogo dell’omonima prefettura, situata all’estremità sudoccidentale dell’isola di Kyūshū.

Cosa hanno in comune Napoli e Kagoshima?

Napoli e Kagoshima hanno in comune il clima, mite e soleggiato, ma soprattutto quello che più le accomuna è il panorama. Sia Kagoshima che il capoluogo campano offrono una vista mozzafiato, con un maestoso vulcano che si affaccia sul golfo. Grazie al Vesuvio, Napoli è conosciuta in tutto il mondo, ma non bisogna dimenticarsi del Sakurajima, che sovrasta la Baia di Kinko, l’imponente vulcano sempre attivo giapponese ( e dal pennacchio grigio che ricorda il Vesuvio di qualche decennio fa).

Il vulcano Sakurajima è attivo e fuma costantemente, anche ora. Le eruzioni minori spesso avvengono più volte al giorno e dal 2013 la sua attività eruttiva è costituita da colonne di cenere che hanno raggiunto anche i 5.000 metri. Un’ultima eruzione importante, c’è stata il 14 Maggio 2019, dove una nube grigia ha sovrastato il cielo per diversi giorni. Tra un vulcano possente e un mare blu, la città è un’esplosione di colori e di natura. 

Per queste ragioni dal 3 Maggio del 1960 Napoli e Kagoshima sono gemellate. La loro unione è testimoniata anche dal fatto che entrambe le città hanno dedicato all’altra il nome di una strada o di una piazza. Se a Napoli esiste via Kagoshima sulla collina del Vomero, una strada lunga circa 350m che va da via Aniello Falcone a via Belvedere con una pendenza del 10%, e da poco è stato inaugurato largo Kagoshima al Centro Direzionale, che delimita l’area tra gli edifici C1 e B5, a Kagoshima esistono addirittura un’intera linea di tram dedicata all’ex capitale del Regno delle Due Sicilie.

Ma non solo: la città giapponese ha voluto onorare Napoli anche con Napori dōri (tradotto letteralmente è viale Napoli), un viale alberato a tre corsie per ogni senso di marcia.

Kagoshima
le strade di Kagoshima

L’amministrazione comunale e quella giapponese hanno da poco rinnovato il gemellaggio e addirittura per 10 fortunati giapponesi ogni anno c’è la possibilità di venire a Napoli attraverso un biglietto pagato dal primo cittadino di Kagoshima.

C’è anche un personaggio che racconta il viaggio Giappone-Napoli al contrario: si tratta di Harukichi Shimoi, il samurai che diventò amico di D’Annunzio e di Mussolini. E parlava solo napoletano.

Diventa un sostenitore!

Abbiamo deciso di eliminare le pubblicità dal sito web per garantire la massima godibilità delle nostre storie. Abbiamo però bisogno di un sostegno economico per mantenere in vita le nostre attività di redazione: unisciti ai sostenitori della nostra piattaforma, per te tanti vantaggi e video in anteprima!

2 Commenti

francesca piacenti %2$

mi piace come scrivi

Rispondi
Sergio %2$

Interessante articolo, complimenti, ma sostituirei il prefisso giappo- con nippo-. A meno che non fosse volutamente scherzoso

Rispondi

Lascia un commento

error: AVVISO: Non puoi copiare il contenuto!