Il magnifico Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere

Il magnifico Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere

Nel Comune di Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta, nato sulle rovine dell’antica Capua a cui Cicerone nel I secolo a.C. diede l’ appellativo di Altera Roma, si erge in tutta la sua imponenza un meraviglioso Anfiteatro, una delle testimonianze più pregnanti e maestose della colonizzazione romana in Campania.

Prima di narrarvi la storia, mi parrebbe opportuno fare un piccolo cenno sull’etimologia della parola amphitheatrum. Essa compare in età augustea e va intesa come ‘spazio destinato agli spettatori (theatron) che corre intorno (amphì) all’arena’ suggerendo così sia la forma dell’edificio sia l’importanza di un luogo interamente dedicato al popolo!

L’ Anfiteatro Campano costruito alla fine del I secolo d.C. a soli 25 metri dell’arena repubblicana celebre per la rivolta di Spartaco del 73 a.C. è il secondo per dimensioni dopo il Colosseo. Restaurato, decorato con statue e rilievi marmorei in età adrianea (117-138 d.C.) fu inaugurato in età antoniana (138-161 d.C.).

Anfiteatro Esterno

La struttura è delimitata da pilastri quadrangolari, presenta una pianta ellittica sviluppata su quattro piani sovrapposti, i primi tre aperti con 80 arcate, il più elevato ritmato da finestre e lesene. Composto da due portici esterni, tre ambulacri e quattro ingressi monumentali verso l’arena. Dalle botole di quest’ultima, attraverso un meccanismo che ricorda gli odierni ascensori, facevano ingresso le belve e uomini che sorprendevano il pubblico della cavea. L’anfiteatro Campano ospitava ben 60.000 spettatori!

Anfiteatro dall'alto

Nonostante l’abolizione dei giochi gladiatori con l’editto di Onorio del 404 d.C. e i danni subiti dalle invasioni di Genserico del 456 d.C. , l’anfiteatro fu utilizzato per le venationes e per i combattimenti tra gli orsi. Tra la tarda antichità e il Medioevo prese il nome di Colossum e Virilasci (fortezza) fino ad essere utilizzato come cava di pietra in seguito alle invasioni saracene del 841 d.C. per la costruzione di Capua Nova, nell’ansa del fiume Volturno.

Non tutti sanno che i combattimenti gladiatori ebbero probabilmente origine in Campania! Durante le Guerre Sannitiche del 308 a.C. i campani, in odio ai loro nemici, armavano i gladiatori come sanniti e ‘Sanniti’ erano i più antichi gladiatori romani. Questi guerrieri erano schiavi, prigionieri di guerra, criminali condannati a morte e talvolta persino giovani appartenenti a famiglie decadute attirati dal miraggio di fama e di ricchezza. Alcuni infatti meritavano l’appellativo di suspiria puellarum per l’amore che suscitavano nelle dame dell’aristocrazia, indifferenti alle cicatrici che ne deturpavano i volti, affascinate dalla forza fisica al punto da trascurare marito e figli.

Un’altra simpatica curiosità.

Nel lontano 1985 la testa di marmo dell’ imperatore Settimo Severo venne rubata dall’ Antiquarium dell’ Anfiteatro Campano con una rapina a mano armata. Sarebbe stata messa all’ asta di New York con un prezzo di partenza di svariati milioni di dollari se non fosse intervento l’ Interpol.

L’Anfiteatro Campano è una meraviglia assolutamente da visitare! Uno scorcio di antichità che lascia davvero a bocca aperta, insomma una rarità da non perdere del casertano.

Anna Barone

Riferimenti:
http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/biglietti-orari-info-anfitsmcvetere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Taganrog, il grano russo che rese speciale la pasta napoletana

Taganrog, il grano russo che rese speciale la pasta napoletana

La Russia ha un sapore buonissimo. E da più di due secoli lo scopriamo in tutti i piatti di pasta sulle nostre tavole grazie al grano Taganrog, che è stato…
Il più antico battistero paleocristiano d'Occidente: San Giovanni in Fonte

Il più antico battistero paleocristiano d’Occidente: San Giovanni in Fonte

Il Duomo di Napoli nasconde innumerevoli tesori, non bastava un miracolo conosciuto in tutto il mondo o l’immenso tesoro frutto della devozione all’amatissimo San Gennaro. Infatti si può tranquillamente affermare che…
Maschio Angioino castello

Tommaso Campanella: l’illusione della giustizia scontata nelle celle del Maschio Angioino

«Giovane con barba nera, vestito di abiti civili, con cappello nero, casacca nera, calzoni di cuoio e mantello di lana». Una descrizione semplice, insignificante, quella fatta per il riconoscimento dell’accusato Tommaso…
Punta Campanella e l'antichissimo sentiero di Minerva

Punta Campanella e l’antichissimo sentiero di Minerva

Punta Campanella è l’estrema terminazione della penisola sorrentina, l’orlo di terra dal quale la bella isola di Capri sembra distare soltanto pochi passi. Per accedervi bisogna percorrere a piedi un lungo sentiero fatto di ciottoli bianchi e voci sottili della natura. La bellezza del territorio, la suggestione del panorama con le isole incastrate nel mare e la posizione strategica per i traffici marittimi hanno fatto sì che la zona fosse frequentata fin dall’VIII sec. a.C.
La chiesa di S.Pietro a Majella

La chiesa di S.Pietro a Majella

Fotografia di Federico Quagliuolo e testo di Valerio Iovane. “San Pietro a Majella”: un nome singolare per un conservatorio di musica, vero? E soprattutto: cosa c’entra Napoli con i lontani…