L' incontro segreto tra Tito e Churchill a Posillipo

L’ incontro segreto tra Tito e Churchill a Posillipo

Tra il 12 e 13 agosto 1944, in una Napoli profondamente segnata dalla guerra, ormai giunta nelle sue fasi finiali, avvenne un incontro segreto tra due dei leader più simbolici e cruciali del secondo conflitto mondiale, il primo ministro britannico Winston Churchill e il maresciallo Josip Broz Tito, presso una villa a Posillipo, requisita dagli Alleati.

Villa Rivalta
Villa Rivalta, a Posillipo, in una cartolina di inizio ‘900

Tanta segretezza era dovuta ad un accordo di spartizione territoriale tra le truppe alleate e la Jugoslavia. L’ esatto contenuto delle loro conversazioni resta ad oggi ignoto, così come non è noto con precisione il luogo dove sarebbe avvenuto l’ incontro: una possibile ipotesi è villa Rosenberg, alla presenza del generale Alexander, ma l’ ipotesi più accreditata è la suggestiva e tutt’ oggi esistente, seppur rimodernata, villa Rivalta, precedentemente di proprietà del famoso pasticciere di via Toledo Caflish, usata come base dal generale Wilson ed in cui Churchill sarebbe stato ospite più di una volta, prima e durante la guerra.

Tito e Churchill
Tito e Churchill sul terrazzo di villa Rivalta.

Gli aneddoti su quei due giorni di trattative arrivano da uno dei soldati che Churchill aveva portato con sè, Fitzroy Maclean, che parla di un Tito estremamente sospettoso e costantemente scortato da due imponenti guardie del corpo armate di tutto punto, Boško e Prlja, accompagnato da un interprete, da suo figlio Zarko e dal suo cane. Il dittatore jugoslavo si presentò con una sfarzosa uniforme blu con decorazioni in oro, confezionata per lui a Mosca, nonostante il caldo di agosto. Churchill non tardò a fargli notare quanto il suo abito in lino fosse decisamente più consono al clima napoletano. E, sempre a causa del suo ben noto humour, racconta Maclean, avrebbe fatto uno scherzo a Tito che stava per sfociare in un incidente diplomatico: in un momento di distrazione del maresciallo, Churchill estrasse un sigaro dalla tasca, per poi puntarlo alla pancia di Tito.

Quest’ultimo sobbalzò improvvisamente, temendo si trattasse di un’arma. Boško e Prlja, credendo che la vita del loro maresciallo fosse in pericolo, con riflessi fulminei, avrebbero messo mano ai propri fucili, puntandoli al primo ministro britannico.

Si arrestarono di colpo quando Tito scoppiò a ridere e, al suo seguito, Churchill fece lo stesso, facendo tirare un sospiro di sollievo a tutti i presenti.

Fitzory Maclean
Fitzroy Maclean, testimone oculare dell’ incontro segreto.

Sembra che l’ incontro, concluso con successo, abbia portato a stabilire il confine dei territori italiani a Gorizia e l’ assegnazione della Dalmazia alla Jugoslavia, proprio come poi confermato negli accordi stipulati al termine della guerra.

Winston Churchill, che non smentiva mai il proprio carattere irriverente, sarebbe andato a fare una lunga escursione in barca poco dopo l’ incontro, nelle acque oramai pacifiche del golfo di Napoli, mettendo da parte, per un po’, il suo cruciale ruolo ed i suoi importantissimi impegni diplomatici e cogliendo l’ occasione per rilassarsi.

-Leonardo Quagliuolo

Riferimenti: https://richardlangworth.com/fitzroy-maclean-wit-wisdom

“Tito and the Rise and Fall of Yugoslavia” di Richard West

“Flashpoint Trieste: the first battle of the Cold War”, di Christian Jennings

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
La storia di Torre Ranieri, a difesa del casale di Ancari

La storia di Torre Ranieri, a difesa del casale di Ancari

Torre Ranieri era anticamente un edificio di difesa per il casale di Ancari, uno dei tanti di Posillipo, costruito tra il 1400 e il 1500 dalla famiglia Ranieri.
Quando San Tommaso parlò con Dio a San Domenico Maggiore

Quando San Tommaso parlò con Dio a San Domenico Maggiore

San Tommaso d’Aquino ebbe un rapporto speciale con la città di Napoli. Qui infatti avvenne il dialogo col Signore, all’interno della chiesa di san Domenico Maggiore.
L’antico mestiere del trova sigari

L’antico mestiere del trova sigari

L’antico mestiere del trova sigari ha origine dal genio napoletano. Il trova sigari si aggirava per le strade di notte, quando le luci ed i rumori della città iniziavano a…
La Villa Floridiana : cuore verde del Vomero

La Villa Floridiana : cuore verde del Vomero

E’ nel cuore di molti napoletani, un luogo dove tanti hanno trascorso l’infanzia e la giovinezza, giornate spensierate ed attimi di vita. Un luogo di memoria collettiva dove, tutto a un tratto, il contatto con la natura diventava tangibile; cosa rara in una grande città come la nostra. Lo stesso nome ci suggerisce la natura felice di questo avamposto di serenità: la Villa Floridiana
Perché Ischia si chiama così?

Perché Ischia si chiama così?

Ischia è un’isola dalla storia infinita, anche nel suo nome. In realtà potremmo anche chiamarla Pithecusa o Aenaria. Tre nomi? Come mai l’Isola Verde ne ha così tanti?Ce lo racconta…
La musica dell'imperatore Nerone

La musica dell’imperatore Nerone

Nerone è uno dei personaggi più controversi della nostra storia. Tutti lo conosciamo sin da piccoli per le sue follie, il suo carattere irascibile ed incontrollabile. Tutti abbiamo studiato questi aspetti…