Gioacchino Mellucci, l'ingegnere dimenticato dell'Italia di lusso

Gioacchino Mellucci, l’ingegnere dimenticato dell’Italia di lusso

Di Gioacchino Luigi Mellucci oggi diffilmente si sente parlare, esponente del Liberty napoletano, ha avuto successo a livello nazionale, contribuendo alla costruzione di numerosi edifici, pubblici e privati, in tutta Italia. Basta pensare che è padre di progetti come la funicolare centrale, la funicolare di Capri, l’ edificio della Corte di Cassazione, l’ edificio della Rinascente di Milano e molte altre opere.

Le nobili origini e l’amore per l’edilizia

Nato a Curti, in provincia di Caserta, nel 1874, da una famiglia ricca e di nobile quanto antica discendenza. Imparentati con i Caracciolo e distintisi durante le guerre del Risorgimento. Trascorse la sua infanzia in palazzo Mellucci, via Stella 45, nella Sanità, tra i più antichi della zona, risalente al 1600.

Palazzo Mellucci
Palazzo Mellucci, via Stella 45
Gioacchino Mellucci, l'ingegnere dimenticato dell'Italia di lusso
Gioacchino Luigi Mellucci

Da sempre appassionato di edilizia, si laureò alla Regia scuola politecnica di Napoli, all’ epoca ospitata nel complesso di Sant’Andrea delle Dame (ex convento, oggi inglobato nel vecchio policlinico), presso l’ Università di Napoli nel 1900, diventando ingegnere.

I primi incarichi

Già da prima della laurea ebbe occasione di collaborare alla progettazione del Grand Hotel Eden, a via del parco Margherita (oggi un condominio), oltre che agli spazi dell’ Esposizione Nazionale di Palermo.

Sant'Andrea delle dame
Sant’Andrea delle dame

Tra i suoi primi incarichi, nel 1901, gli fu incaricato di contribuire al progetto della circumvesuviana Napoli-Pompei-Poggiomarino. E oggi, nei pressi della stazione Botteghelle, c’è proprio la strada a lui intitolata.

Nel 1907, realizzò la funicolare di Capri, tutt’oggi un punto di riferimento fondamentale per cittadini e visitatori.

Gioacchino Mellucci, l'ingegnere dimenticato dell'Italia di lusso

La sua carriera prese presto il volo grazie all’ innovativo uso che faceva del cemento armato e degli stucchi, realizzando particolari decorazioni, come l’ uso di pilastri, torri e motivi floreali, in pieno stile Liberty. Il suo nome fu presto in risalto ed iniziò numerose collaborazioni con alcuni degli architetti più noti della sua epoca.

L’apice del successo

Con Mannajuolo collaborò per la costruzione dell’ omonimo palazzo in via dei Mille.

Palazzo Mannajuolo
Palazzo Mannajuolo

Realizzò diversi edifici in collaborazione con Giulio Ulisse Arata,tra cui palazzo Leonetti e altre strutture dell’ allora neonato rione Amedeo ed anche palazzo Buono in via Toledo (attuale H&M).

Palazzo Leonetti
Palazzo Leonetti, fonte Italia Liberty

Sono opera sua vari eleganti edifici di corso Vittorio Emanuele II, oltre che l’ Hotel Bertolini, nel Parco Grifeo di Lamont Young ed anche una parte delle Terme di Agnano, oggi demolita. Nel 1920 divenne direttore della Società Finanziaria Italiana.

Terme di Agnano
Antico ingresso delle Terme di Agnano
Inedito su progetto terme di agnano
Documento inedito per Gioacchino Mellucci sul progetto delle Terme di Agnano

Nel 1924 costruì il palazzo che porta il suo nome alla salita del Petraio, al Vomero, in cui si spostò con tutta la famiglia.

Gioacchino Mellucci, l'ingegnere dimenticato dell'Italia di lusso
Nuovo palazzo Melucci (il vecchio è alla Sanità)

Ma non fu il suo unico contributo alla costruzione del nuovo quartiere Vomero: collaborò con Adolfo Avena, un altro dei massimi esponenti del Liberty napoletano, alla costruzione della villa Frenna-Scognamiglio (anche nota come Catello-Piccoli), di fianco alla Floridiana.

Villa Catello-Piccoli
Villa Catello-Piccoli. Grazie a Italia Liberty

Suoi anche diversi edifici residenziali a Salerno. Nel 1926 realizzò la litoranea Casamicciola-Lacco Ameno, presso l’ isola d’Ischia.

E dal 1926 al 1930 fu impegnato in uno dei progetti più noti della sua carriera, luoghi frequentati tutt’oggi da migliaia di persone quotidianamente: la Funicolare Centrale e l’ adiacente teatro Augusteo, in piazza Duca d’Aosta, insieme a Nervi e Nebbiosi, altri nomi noti del tempo.

Gioacchino Mellucci, l'ingegnere dimenticato dell'Italia di lusso
Funicolare centrale negli anni ’20

Il suo nome si diffuse molto rapidamente anche nel resto d’ Italia, in cui gli furono commissionati numerosi progetti, residenze ed edifici pubblici. E lavorò anche in Germania, per la costruzione, nel 1914, di un padiglione dell’ Esposizione del Werkbund a Colonia.

Nel 1917 costruì la Rinascente di Milano, in piazza del Duomo. La struttura sarebbe stata distrutta da un incendio poco tempo dopo l’ inaugurazione.

Rinascente, Milano, 1917
Rinascente, Milano, 1917

Nella Capitale realizzò il monumentale palazzo di Giustizia (oggi Corte di Cassazione), insieme a Calderini, Borrelli e Mannajuolo, la stazione Casilina con Cottrau e diverse ville. Negli anni del Regime si occupò della ristrutturazione di palazzo Montecitorio e collaborò alla costruzione del palazzo delle poste di piazza Bologna.

Gioacchino Mellucci, l'ingegnere dimenticato dell'Italia di lusso
Palazzo della Corte di Cassazione, Roma, fonte: Sito della Corte di Cassazione

a Bologna, con Carpi, realizzò il Mercato delle Erbe nel 1910 e successivamente, nel 1936, contribuì al progetto di villa Muggia.

a Ravenna, si trovò di nuovo insieme a Giulio Ulisse Arata a progettare il palazzo della provincia. Inoltre, si occupò di un progetto per la ristrutturazione dell’ area in cui si trova la tomba di Dante Alighieri.

Progetto tomba Dante
Progetto di urbanizzazione della tomba di Dante Alighieri, 1925

Nel corso degli anni ’30 collaborò alla costruzione di molti edifici dei nascenti quartieri Vomero, Posillipo e Chiaia.

Oggi, di Gioacchino Mellucci non rimane quasi nulla, nonostante l’ impatto che i suoi progetti hanno avuto in Italia. Ciò che resta del suo nome è uno sconosciuto vicolo cieco nella inoltrata periferia di Napoli ed un’altra strada dedicatagli nel 2018 nel suo paese natale, Curti.

-Leonardo Quagliuolo

P.S. Ringrazio molto l’ arcivescovo ortodosso Andrea Boris Leanza per averci indicato questo incredibile personaggio e per averci fornito del materiale utile.

Riferimenti:

Archivio privato dott. Giorgio Mellucci

Italia Liberty

Arteliberty.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Quando i Borbone adottarono il tricolore italiano

Quando i Borbone adottarono il tricolore italiano

Una visione insolita: cosa ci fa il simbolo dei Borbone sulla bandiera italiana?
Il quadro dell'anima dannata alla Sanità

Il quadro dell’anima dannata alla Sanità

Il quadro dell’anima dannata alla Sanità. Il legame tra la vita e la morte a Napoli ha sempre avuto forme complicate. Ed anche quando un evento non accade in questa città trova il modo di arrivarci, come se solo qui certe cose avessero senso.
Enrico Pessina busto Roma

Enrico Pessina, il Napoletano che insegnò diritto all’Europa

Napoli è la madre di decine, decine e decine di uomini che hanno scritto la storia del diritto italiano e mondiale. Uno di questi fu Enrico Pessina, uno dei giuristi…