Spingule francese

‘E spingule francese: la spilla da balia che veniva dall’America

Interpretata nel corso degli anni da artisti del calibro di Sergio Bruni, Giacomo Rondinella, Renato Carosone, Roberto Murolo e Massimo Ranieri, fortunatamente sono pochi, molto pochi coloro che non conoscono “‘E spingule francese“, canzone intramontabile, immancabile nel repertorio dei divi dei cafè chantant e dei teatri di varietà napoletani, che oltrepasserà le Alpi ed entrerà addirittura nelle grandi corti imperiali.

Leggenda vuole, infatti, che nel novembre del 1888 Salvatore Di Giacomo (Napoli, 1860 – Napoli, 1934) ed Enrico De Leva (Napoli, 1867 – Napoli, 1955), rispettivamente autore e musicista della canzone, mentre stavano sorseggiando un caffè seduti ad un tavolino del bar Gambrinus, assistettero allo spettacolo delle truppe, le quali iniziarono a sfilare dinanzi a loro in piazza Plebiscito, per rendere onore all’imperatore Guglielmo II di Germania, in visita nel capoluogo campano. Ma c’era qualcosa che non andava, qualcosa di strano, molto strano.

I due artisti si accorsero immediatamente che la banda militare, anziché suonare la marcia d’ordinanza, eseguiva “‘E spingule frangese”, tanto amata dall’imperatore. I due scoppiarono a ridere e, orgogliosi, rintanarono presso le loro abitazioni. Sapevano che avevano creato un tormentone, una canzone che sarebbe rimasta nelle orecchie dei napoletani e non solo. E dopo quasi 150 anni, siamo ancora qui, a non stancarci di ascoltarla.

'E spingule francese: la spilla da balia che veniva dall'America
Salvatore Di Giacomo

‘E Spingule francese e le origini americane

Protagonista indiscusso del testo di “‘E spingule francese” è un giovane venditore ambulante di spille da balia che, oltre a smerciare i suoi prodotti, se le acquirenti sono anche belle, non si tira indietro dall’offrire con le spille, anche dei baci.

Nella lingua napoletana, infatti, la spilla da balia viene chaiamata “a spingula francese” fin dall’Ottocento. In realtà la storia è ben più complessa. La spilla da balia è un’invenzione di epoca moderna, il cui inventore fu l’americano Walter Hunt (New York 1796 – New York 1859), che la brevettò nel 1849. Per intenderci, Hunt fu anche il creatore della penna stilografica, della macchina per produrre chiodi, della macchina per cucire (poi perfezionata da Singer) e di altri utili prodotti.

Ma allora, perché la spilla viene detta “spingula francese”? La spilla da balia giunse a Napoli non dalla Francia, ma intorno alla metà dell’800, direttamente dagli Stati Uniti. In quel periodo i piroscafi mercantili del Reame erano soliti solcare abitualmente l’oceano e facevano a gara per portare nella Capitale merci nuove, provenienti anche dal Nuovo Mondo.

A rigor di logica, dunque, la spilla avrebbe dovuto chiamarsi “spingula americana”, ma poiché essa era usata soprattutto dalle balie (che a Napoli si chiamano nutriccia, dal francese nourrice), fu storpiata in spingula ‘e nutriccia e poi spingula francese. L’aggettivo “francese”, perciò, deriva da un semplice francesismo, che a Napoli viene utilizzato dall’alba dei tempi.

Piccola curiosità

Il tornese che compare nel testo (Mme chiamma na figliola: “Trase, trase, quanta spíngule daje pe’ nu turnese?), fu la moneta ufficiale di rame emessa a Napoli dalla metà del XV secolo e battuta fino al 1861. Il nome della moneta deriva della città di Tours in Francia (tournois), già dall’epoca di Carlo Magno. Nel regno di Napoli aveva il valore di sei cavalli o mezzo soldo e apparve la prima volta nel 1581 durante il regno di Filippo II di Spagna e che, con variazioni di tipo e di peso, è circolato fino alla caduta del Regno borbonico delle Due Sicilie, di Ferdinando II e Francesco II.

Il testo

Nu juorno mme ne jètte da la casa, jènno vennenno spíngule francese… Nu juorno mme ne jètte da la casa, jènno vennnenno spíngule francese… Mme chiamma na figliola: “Trase, trase, quanta spíngule daje pe’ nu turnese?” Mme chiamma na figliola: “Trase, trase, quanta spíngule daje pe’ nu turnese? Quanta spíngule daje pe’ nu turnese?” Io, che sóngo nu poco veziuso, sùbbeto mme ‘mmuccaje dint’a ‘sta casa… “Ah, chi vò’ belli spingule francese! Ah, chi vò’ belli spingule, ah, chi vò’?! Ah, chi vò’ belli spingule francese! Ah, chi vò’ belli spingule ah, chi vò’!?” Dich’io: “Si tu mme daje tre o quatto vase, te dóngo tutt’ ‘e spíngule francese… Dich’io: “Si tu mme daje tre o quatto vase, te dóngo tutt’ ‘e spíngule francese… Pízzeche e vase nun fanno purtóse e puo’ ghiénchere ‘e spíngule ‘o paese… Pízzeche e vase nun fanno purtóse e puo’ ghiénchere ‘e spíngule ‘o paese… E puó’ ghiénchere ‘e spíngule ‘o paese… Sentite a me ca, pure ‘nParaviso, ‘e vase vanno a cinche nu turnese!… “Ah, Chi vò’ belli spíngule francese! Ah, Chi vò’ belli spíngule, ah, chi vò’?! Ah, chi vò’ belli spíngule francese! Ah, chi vò’ belli spíngule, ah, chi vò’?!” Dicette: “Bellu mio, chist’è ‘o paese, ca, si te prore ‘o naso, muore acciso!” Dicette: “Bellu mio, chist’è ‘o paese, ca, si te prore ‘o naso, muore acciso!” E i’ rispunnette: “Agge pacienza, scusa… ‘a tengo ‘a ‘nnammurata e sta ô paese…” E i’ rispunnette: “Agge pacienza, scusa… ‘a tengo ‘a ‘nnammurata e sta ô paese… ‘A tengo ‘a ‘nnammurata e sta ô paese… E tene ‘a faccia comm”e ffronne ‘e rosa, e tene ‘a vocca comm’a na cerasa… Ah, chi vò’ belli spîngule francese! Ah, chi vò’ belli spíngule, ah, chi vò’?! Ah, chi vò’ belli spíngule francese! Ah, chi vò’ belli spíngule, ah, chi vò…

Bibliografia

Antonio Casetti e Vittorio Imbriani, Canti popolari delle provincie meridionali (Vol. 2), Loescher, Torino, 1872

Raffaele Cossentino, La canzone napoletana dalle origini ai nostri giorni. Storie e protagonisti, Rogiosi, Napoli, 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like