纽约第一任主教安葬在那不勒斯

费德里科·夸廖洛

Napoli è la tomba del primo vescovo di New York.
Una storia fatta di coincidenze strane e tanta sfortuna per il povero Richard Luke Concanen, che morì nella chiesa di San Domenico nel 1810.

D’altronde, i fili paralleli che legano le due città sono innumerevoli: una città vecchia di oltre tremila anni, l’altra, invece, ne ha poco più di quattrocento. In comune hanno il 41° parallelo nord e, soprattutto, le vite di tanti uomini che hanno viaggiato fra i loro porti.

Primo vescovo di New York Concanen San Domenico
“Richard Luke Concanen, primo vescovo di New York”

Chi era Richard Luke Concanen?

Nato in 爱尔兰 nel 1747 e trasferitosi in Italia a 17 anni, entrò a far parte dell’ordine dei Domenicani.
Persona intelligentissima e molto furba, si fece subito notare dal Papa, che lo nominò “Agente del Vaticano“, mandandolo in giro per il mondo a riferire la volontà di Roma.
Parlava perfettamente sette lingue ed era molto carismatico e testardo: perfetto per diventare un diplomatico ante-litteram.

Quando l’America diventò indipendente, poi, Concanen ebbe il colpo di genio: era il momento perfetto per portare la parola del cattolicesimo nelle terre che, fino a poco prima, erano dominate dall’Inghilterra. Invitò personalmente i migliori esponenti della Chiesa a trasferirsi in America e, nel 1807, consegnò al Papa la lista di tutti i possibili candidati per le diocesi delle principali città americane.
Bisogna coltivare i rapporti con una potenza nascente“, disse. Ci vide lungo.

Tomba di Concanen
La sagrestia di San Domenico Maggiore, con la tomba di Concanen. Foto di 费德里科·夸廖洛

Il primo vescovo di New York non vede New York!

Alla fine del 1700 Napoli era invece già una delle capitali più importanti del mondo e, soprattutto, grazie ai 默里科夫,是 porto Europeo più attivo nei commerci via mare con New York.
Dopo essere stato nominato Vescovo, Concanen fu quindi inviato in America attraverso Napoli, ma gli fu impedita la partenza dai soldati napoleonici: pensando fosse un nemico inglese, fu bloccato in città in attesa di ulteriori accertamenti.

Passò allora gli ultimi 3 anni della sua vita nella chiesa di 圣多梅尼科马焦雷 in attesa di poter partire, inviando quasi giornalmente lettere a New York per riferire i suoi ordini ai preti presenti in città.
Nel 1810, però, morì per febbre senza mai vedere la sua New York.
I napoletani credevano fosse solo un simpatico vecchietto inglese che si aggirava nei dintorni di San Domenico, così come se ne vedevano tanti in città.
Pochi avevano capito che Napoli aveva ospitato uno degli uomini più potenti del Vaticano e, soprattutto, il primo vescovo della città che duecento anni dopo sarebbe diventata la capitale del mondo.

——费德里科·夸廖洛

圣多梅尼科马焦雷教堂

成为支持者!

我们决定从网站上删除广告,以确保最大程度地享受我们的故事。但是,我们需要资金支持来维持我们的编辑活动:加入我们平台的支持者,为您提供许多优势和预览视频!

2 条评论

RENATO ASNAGHI 21 4月 2022 - 13:11

Caro Federico, sono Asnaghi Renato abito a Roma , ho 76 anni e dieci anni fa sono stato colpito da Ictus che mi ha cambiato la vita.L’unico conforto e’ un po di lettura specialmente Storia e cronaca varia.Mi piace leggere quindi i tuoi
scritti ben fatti e piacevoli, continua cosi. ti ringrazio e…..ciaooooo

答案
RENATO ASNAGHI 21 4月 2022 - 13:13

Caro Federico

答案

发表评论

错误: 注意: 您不能复制内容!