献身于圣文森佐·费雷里:'或那不勒斯的穆纳科内

尤里·博诺

圣文森佐费雷里 è anche noto come “’O munacone”. È con questa espressione che i napoletani identificano San Vincent Ferrer, ma perché? Qual è il legame che unisce il Santo alla nostra città, a tal punto da essere annoverato tra i 52 compatroni di Napoli? Ebbene, mettetevi comodi, la storia ha inizio. Il Santo domenicano, che qui diventa Vincenzo Ferreri, nacque a 瓦伦西亚 nel 1350 e morì a Vannes nel 1419, ma predicò in buona parte dell’Europa continentale.

Il culto

Il culto di San Vincenzo è arrivato fino a Napoli e nell’Italia Meridionale, proprio per la capillare presenza dell’ordine dei domenicani. Infatti, fu proprio un frate predicatore appartenente a quest’ordine, tale fra Giuseppe Nuvolo, al secolo Vincenzo de Nuvolo – esponente di spicco del primo barocco napoletano – a progettare i lavori che furono compiuti dal 1602 al 1610, per la costruzione della Chiesa più importante del rione Sanità. Quel che sappiamo è che, pare, durante l’assedio di Avignone fu curato e guarito dalle mani di San Domenico e Gesù stesso.

Il suo culto, però, ha superato anche i confini europei, giungendo fino in America Latina, in particolare in Brasile, in Cile, in Colombia e in Venezuela. Si dice che fosse molto duro nei confronti dei peccatori, a volte spietato, ma allo stesso tempo clemente e caritatevole. San Vincenzo visse una vita certamente dedita alla predicazione della parola di Dio.

La devozione per San Vincenzo Ferreri: ’o Munacone di Napoli

La Basilica

Fu eretta sulle Catacombe di San Gaudioso e il ritrovamento di un’immagine della Vergine molto antica, databile tra il quinto e il sesto secolo, spinse i fedeli ad intitolarla a Santa Maria della 健康. La sua cupola maiolicata la rende unica e riconoscibile dai vari punti della città. All’interno della Basilica è presente proprio una statua dedicata a San Vincenzo Ferreri, un Santo che al momento della canonizzazione, avvenuta nel 1455, si vide attribuire più di 80 miracoli e 100 resurrezioni, un numero non da poco, un vero e proprio record nella storia della Chiesa.

Il miracolo di San Vincenzo Ferreri

Sarà stata la fama che convinse i napoletani a portarlo in processione nel 1836, per fermare l’epidemia di colera e fu così che da quel momento il Santo spagnolo divenne il protettore della Sanità (Borgo dei Vergini -Fontanelle) e la Chiesa fu “localmente” denominata “San Vincenzo alla Sanità”. È per questo che vi si svolgono due feste: una, il 5 aprile, data canonica decisa dalla Chiesa per ricordare il Santo nel giorno della Sua morte, un’altra, l’11 luglio, data in cui Napoli ricorda il Suo primo grande miracolo, con una grandissima festa, con tanto di concerto in piazza e fuochi pirotecnici.

C’entra anche Totò

Evidentemente, a Napoli una sola ricorrenza non basta e ciò è avvenuto anche con 托托, la cui storia si lega proprio alla Chiesa di Piazza Sanità. Si dà il caso, infatti, che dopo un primo funerale tenutosi a Roma, se ne celebrò anche uno a Napoli, il 17 aprile 1967, due giorni dopo la sua morte.

Centinaia di migliaia di napoletani affollarono le strade della città e i più fortunati trovarono posto nella Basilica del Carmine Maggiore. Ma, un mese dopo, esattamente il 22 maggio, proprio per consentire alla gente del suo rione di stringersi attorno alla sua bara (questa volta vuota) si svolse un altro funerale, proprio nella Basilica di Santa Maria alla Sanità. Sul manifesto funebre, preparato per l’occasione, fu scritto che si sarebbe svolto un “solenne funerale” nella Basilica di San Vincenzo alla Sanità.


C’è poco da fare, quando Napoli ama lo fa veramente e perciò raddoppia le ricorrenze. Ora capisco perché qui l’amore diventa “ammore”.

-Yuri Buono


参考书目


https://www.cinematographe.it/news/toto-morte-funerale-senza-corpo-napoli/
https://it.aleteia.org/2020/04/08/miracolo-san-vincenzo-ferreri-colera-napoli/



成为支持者!

我们决定从网站上删除广告,以确保最大程度地享受我们的故事。但是,我们需要资金支持来维持我们的编辑活动:加入我们平台的支持者,为您提供许多优势和预览视频!

发表评论

错误: 注意: 您不能复制内容!