Sanfedisti,那不勒斯军队驱逐了法国侵略者

弗朗西斯卡·卡瓦洛

I Sanfedisti erano dei controrivoluzionari dell’Italia Meridionale, presenti particolarmente a Napoli, i quali iniziarono la loro attività rivoluzionaria alla fine del XVIII secolo. Il periodo nel quale questi movimenti rivoluzionari divennero l’unica speranza di liberazione fu dal 1799 al 1814, quando le truppe napoleoniche conquistarono i territori dei Borbone.

I Sanfedisti, l’esercito della fede

学期‘sanfedismo” deriva dall’organizzazione militante per la restaurazione della politica borbonica durante il 1799, quando Napoli e l’Italia furono invase dalle truppe di 拿破仑. Il sanfedismo divenne presto un modo per indicare dei movimenti rivoluzionari che sorsero da lì a poco sia durante le conquiste francesi, sia durante la Restaurazione, periodo in cui gli Antichi regimi spodestati da Napoleone fecero ritorno indisturbati, ricadendo negli stessi assolutismi di una volta, dando quindi vita ad una serie di moti e sommosse popolari.

I Sanfedisti, l'esercito napoletano che scacciò l'invasore francese
Rivolta Sanfedista

Sanfedisti, esercito liberatore o mercenari senza valori?

La nomea dei sanfedisti non brilla di gesta nobili e valorose, e molte volte ci si è interrogati su quanto fossero realmente intenzionati a liberare la loro patria o soltanto ad eseguire gli ordini del re Borbone. Infatti molti dei partecipanti ai moti erano dei comuni criminali, a cui veniva riconosciuto il ”truglio”, ossia la possibilità di non essere imprigionati, qualora avessero preso servizio militare.

Con questa riforma l’esercito borbonico si espanse a dismisura, portando ai vertici delle sue gerarchie anche uomini di discutibile bontà, come fra’ Diavolo ossia Michele Pezza, il quale divenne addirittura comandante e Antonio Caprara, uno dei briganti più temuti in circolazione.

 «Il famoso Fra Diavolo, brigante fuoriuscito, omicidario imbastaro di professione, che davasi titolo di generale, avendo come capo di briganti un tale Antonio Capraro, alias senza culo, uomo villano ignorante, mulattiere e facchino di professione e si intitolava comandante»

Nipote del Cardinale Borgia
I Sanfedisti, l'esercito napoletano che scacciò l'invasore francese
弗拉迪亚沃罗

Lungo le loro battaglie, i Sanfedisti portarono con loro una lunga scia di sangue e saccheggi, come a Crotone, nella Rivoluzione di Altamura e in Senigallia.

Il celebre canto dei Sanfedisti

Uno dei lasciti più importanti del moto rivoluzionario è il celebre ”canto dei Sanfedisti”. Il testo è ricco di espressioni intellettuali, metafore, parole ricercate, questo dimostra quanto l’impegno nella rivoluzione non sia stato solo un modo per tenere impegnati i violenti e sfruttarli, ma la rivoluzione colpì ogni strato della società.

«A lu suone d’ê grancasce
viva viva ‘o populo vascie,
a lu suono d’î tammurielli
so’ risuorte ‘i puverielle.
A lu suono d’ê campane
viva viva ‘i pupulane,
a lu suono d’î viulini
morte a li giaccubbine!
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunsiglie
viva ‘o rre cu la famiglia.

A Sant’Eremo tanto forte
l’hanno fatto comm’â ricotta,
a ‘stu curnuto sbrevognato
l’hanno mis’ ‘a mitria ‘n’capa
Maistà, chi t’ha traduto?
Chistu stommaco chi ha avuto?
‘E signure, ‘e cavaliere
te vulevano priggiuniere.
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunsiglie
viva ‘o rre cu la famiglia.

Alli trirece de giugnosant’Antonio gluriuso
‘e signure, ‘sti birbante
ê facettero ‘o mazzo tante.
So’ venute li francise
aute tasse n’ci hanno mise,
liberté… egalité
tu arruobbe a me
io arruobbo a te!
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunsiglie
viva ‘o rre cu la famiglia.

Li francise so’ arrivate
ci hanno bbuono carusate,
et voilàet voilà
cavece ‘n culo a la libbertà!
A lu ponte d’â Maddalena
‘onna Luisa è asciuta prena
e tre miedece che banno
nu’ la ponno fa’ sgravà.
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunsiglie
viva ‘o rre cu la famiglia.

A lu muolo senza ‘uerra
se tiraie l’albero’n terra
afferraino ‘e giacubbine
‘e facettero ‘na mappina.
È fernuta l’uguaglianza
è fernuta la libertà
pe ‘vuie so’ dulure e panza
signo’, iateve a cuccà!
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunsiglie
viva ‘o rre cu la famiglia.

Passaie lu mese chiuvuso
lu ventuso e l’addiruso
a lu mese ca se mete
hanno avuto l’aglio arrete.
Viva Tata Maccarone
ca rispetta la religgione,
giacubbine iate a mare
ch’ v’abbrucia lu panare!
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunsiglie
viva o rre cu la famiglia.»

Canto dei Sanfedisti, Peppe Barra

参考书目

C。amillo De Nicola, Diario Napoletano

Alexandre Dumas,Il Corricolo, Colonnese editore, Napoli, 2004

Mario Forgione, I Dieci anni che sconvolsero Napoli, Edi, Napoli 1991

成为支持者!

我们决定从网站上删除广告,以确保最大程度地享受我们的故事。但是,我们需要资金支持来维持我们的编辑活动:加入我们平台的支持者,为您提供许多优势和预览视频!

发表评论

错误: 注意: 您不能复制内容!