L’asinello di Vietri: un animale simbolo dei popoli costieri

费德里科·夸廖洛

Ad accogliere i visitatori, proprio dinanzi al parcheggio pubblico nella parte superiore di 维特里, c’è un ciuccio azzurro. Niente a che vedere con quello del Napoli: l’asinello di 维特里 è infatti il simbolo della città e, più in generale, dell’intera storia del popolo della Costiera.
Eppure fu creato da un tedesco probabilmente ispirandosi all’animale sardo.

Asinello di Vietri sul Mare
L’asinello di Vietri sul Mare

Un aiutante del popolo costiero

Vivere in Costiera Amalfitana era uno splendido isolamento. D’altronde fu questa la ragione che portò alla nascita della stessa Amalfi: star lontani da conflitti e guerre che rendevano instabile la Campania del Medioevo, divisa fra 贝内文托, 萨莱诺 e Capua che si contrapponevano a 那不勒斯, Sorrento e Gaeta. In mezzo, la Repubblica (poi Ducato) di Amalfi e tutte le cittadine protette dalle montagne che proprio non volevano avere niente a che fare con gli affari politici e militari del territorio continentale.

Questa vita marittima, però, doveva essere sposata con le esigenze quotidiane e con l’offerta di frutti ricchissima di una terra come quella campana. Proprio per questa ragione, nell’economia dei paesi costieri, l’asino aveva un ruolo privilegiato: grazie al carattere mansueto, alla capacità di carico straordinaria e alla resistenza fisica, era l’animale perfetto per aiutare i cittadini costieri a movimentare l’economia sul territorio, in special modo considerando che la Costiera Amalfitana si sviluppa su due livelli: uno è quello marino, l’altro è quello montuoso, con le decine di borghi che sorgono sulle montagne e, oggi, sono mete turistiche dai panorami mozzafiato. Su tutti, verrebbe da pensare a 拉韦洛.

Ecco che quindi l’asino si trasforma nel mezzo di trasporto e di carico perfetto per tutte le esigenze e che, sin dai tempi del medioevo, ha accompagnato fedelmente il popolo costiero.

Asinello di Vietri ceramica Dolker
Una ceramica di Dolker con il tipico asinello di Vietri

L’asinello di Vietri creato da Dölker

Questi retaggi antichi, che nei tempi moderni sembrano quasi persi nella Storia lontana, in realtà sono molto più 最近的 di quanto si pensi. Fu infatti un incontro fortuito nato grazie ad un artigiano tedesco, Richard Dölker, in viaggio in Italia. Si presentò dinanzi alla fabbrica Avallone presentandosi come pittore e, di buon grado, fu assunto dal titolare per dipingere le ceramiche con scene tradizionali vietresi. Nacque così, per destino, la storia della scuola tedesca di ceramica di Vietri.

Era il 1923 e fu affascinato dalla continua presenza di asinelli in tutti i paesi costieri d’Italia, essendo anche un assiduo frequentatore della Sardegna, famosa proprio per l’asino sardo.
Dölker decise di omaggiare l’animale trasformandolo in una scultura di ceramica colorata di un insolito colore verde acqua, tipico del mare vietrese, e lo rese una presenza tipica in tutta la sua produzione artistica.

L’idea di trasformare l’asinello di Vietri in scultura non era affatto scontata all’epoca: era infatti in controtendenza rispetto ai classici leoni, cavalli rampanti e altri animali associati al successo e alla gloria.

E invece l’asinello di Vietri diventò subito il simbolo della città e di tutto il popolo della Costiera, tant’è vero che oggi, anche se gli asinelli veri sono spariti, quello in ceramica è rimasto nelle vetrine di tutti quei negozi di ceramica che ancora oggi rendono Vietri una capitale dell’artigianato tradizionale. Un compagno del tempo passato che si è trasformato nel protagonista di una città.

——费德里科·夸廖洛

Richard Dolker studio
Richard Dolker nel suo studio

参考:
Giuseppe Viscusi, Lo stile Vietri tra Dolker e Gambone, Roma, Il Sapere, 1996
L’Europa degli uomini/1: Vietri sul mare | Neifatti.it

成为支持者!

只需一点点贡献,您就可以让坎帕尼亚最大的文化传播网站保持活力!为您带来诸多优势

发表评论


警告:未定义的数组键“allow_sel_on_code_blocks” /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/js_functions.php 在线的 234
错误: 注意: 您不能复制内容!