Rione Luzzatti:城市中的岛屿

莱昂纳多夸廖洛

Alle spalle del 商业中心, subito dopo la brusca interruzione delle piattaforme di cemento che lo mantengono sopraelevato, si fa spazio, non molto lontano, un’area dimenticata della periferia est di Napoli, che solo di recente ha avuto un po’ di notorietà, al seguito di quasi un secolo di anonimato: si tratta del Rione Luzzatti.

Rione luzzatti
Il Centro Direzionale visto dal Rione Luzzatti

Le origini del Rione Luzzatti

Il Rione Luzzatti è un agglomerato di case popolari, il cui nucleo principale fu edificato per conto dell’Istituto Autonomo Case Popolari, meglio noto come IACP, tra l’inizio del ’900 e gli anni ’50.

La zona, fino a pochi anni prima, era perlopiù un’area paludosa, pressoché disabitata, come buona parte dei quartieri che oggi costeggiano l’area della ferrovia e che, al giorno d’oggi, sono diventati densamente abitati.

Il momento di maggiore urbanizzazione è arrivato negli anni ’50 a causa della necessità di cittadini di Napoli e dintorni di avere un’abitazione, dopo la devastazione portata dalla guerra. Quasi tutti i terreni furono rapidamente occupati da nuove costruzioni, intervallate da poche strade rettilinee: via Taddeo da Sessa e via Emanuele Gianturco, fondamentali connessioni del Rione con il resto della città.

Il nucleo originario, però, ha almeno cinquant’anni in più: le prime pietre furono posate nel lontano 1914, per poi vedere un’intensificazione dei lavori solamente nel Ventennio, sotto la guida dell’ Alto Commissario per Napoli, Michele Castelli: fu tracciata un’area di circa 42.000 metri quadri, con una piazza centrale e diverse strade dai percorsi regolari che vi convergono. In quest’area sorgevano numerosi alloggi popolari e spazi per piccole attività commerciali.

Tuttavia, già all’epoca quel piccolo agglomerato di case del Rione Luzzatti risultava molto isolato, rispetto a molti altri rioni costruiti in quegli anni, che invece avevano una posizione decisamente più centrale e accessibile dal resto della città. Vedasi il vicino rione Vittorio Emanuele III, non distante dal Carcere di Poggioreale, oppure il successivo Rione Miraglia, nel nascente quartiere di 福里格罗塔.

Al termine della costruzione, il rione fu dedicato al giurista e noto politico Luigi Luzzatti, che nel 1903 fondò l’Istituto Autonomo Case Popolari.

Danneggiato dai bombardamenti degli Alleati, il Rione Luzzatti fu interessato da una parziale ricostruzione e dall’aggiunta di diversi edifici tra l’immediato dopoguerra e gli anni ’60, anni in cui furono tracciati prolungamenti stradali decisamente meno ordinati rispetto al nucleo originario, fino a renderlo come lo vediamo oggi.

rione luzzatti
Il Rione Luzzatti oggi. Foto di Federico Quagliuolo

Lo stadio Ascarelli

Alle porte del Rione Luzzatti, nel 1930, fu inaugurato il primo stadio in cui giocò la Società Sportiva Calcio Napoli, costruito da 乔治·阿斯卡雷利, imprenditore napoletano di origine ebraica, che purtroppo ebbe poco tempo per apprezzare la sua proprietà, dato che morì giovanissimo per una malattia.

Sotto i riflettori

Il Rione Luzzatti, dalla fine del 2018, ha destato l’ attenzione del pubblico della serie tv ”L’amica geniale”, tratta dalla serie di romanzi di Elena Ferrante ed ambientata proprio in quella piccola ed isolata realtà periferica di Napoli, a partire dagli anni ’50 e che mostra una fedele ricostruzione dell’aspetto della zona in quegli anni.

A distanza di un secolo, nonostante gli enormi cambiamenti vissuti dalla città di Napoli, il Rione Luzzatti rimane un’isola entro i confini cittadini.

莱昂纳多夸廖洛

要了解更多信息:

"那不勒斯十九世纪” del prof. G. Alisio

IACP

成为支持者!

我们决定从网站上删除广告,以确保最大程度地享受我们的故事。但是,我们需要资金支持来维持我们的编辑活动:加入我们平台的支持者,为您提供许多优势和预览视频!

发表评论

错误: 注意: 您不能复制内容!