西班牙区的新剧院:凤凰在两场大火后升起

克劳迪娅·科莱拉

Nel dedalo di strade dei 西班牙区, salendo per vico del Teatro Nuovo o per via Montecalvario, due traverse di 通过托莱多 all’altezza dell’incrocio con via Diaz, si giunge al Teatro Nuovo.

All’interno della sala si respira l’aria del teatro di frontiera: spettacoli d’avanguardia, rassegne ricercate, pubblico per lo più giovane, all’interno di una storica sala del Settecento.

Il Teatro Nuovo dei Quartieri Spagnoli: la fenice che si rialza dopo 2 incendi
Il Teatro Nuovo

La storia del Teatro Nuovo

Le origini di questo teatro sono nobilissime. Per più di due secoli il Teatro Nuovo fu molto frequentato dai nobili di corte e dalla ricca borghesia napoletana.

La costruzione del teatro risale al 1724 e si deve alla volontà di due impresari, Giacomo De Laurentiis e Angelo Casale, che affidarono il progetto a 多梅尼科·安东尼奥·瓦卡罗, figlio dello scultore Lorenzo.

Il progetto del Teatro Nuovo è un’incredibile prova architettonica: lo spazio all’interno degli angusti vicoli dei Quartieri Spagnoli era stretto e ricavare lo spazio di una platea non dovette essere facile per Vaccaro.

Il risultato, secondo le cronache del tempo (purtroppo non supportare da disegni o immagini), fu strabiliante. La sala era ampia solo ottanta palmi ma conteneva posti a sedere per duecento persone, sulla platea si affacciavano cinque file di tredici palchi ognuna. Si diceva che il Vaccaro “aveva fatto nascere il possibile dall’impossibile“.

Il Teatro Nuovo dei Quartieri Spagnoli: la fenice che si rialza dopo 2 incendi
Identificazione della piante del Teatro Nuovo tra la tipologia edilizia del 1775
(disegno degli allievi del corso di Scenotecniche dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli)

Gli spazi stretti si rivelarono il valore in più del teatro: la vicinanza tra il palco e la platea creava un rapporto stretto ed immediato tra il pubblico ed i commedianti sul palco. In più, l’interno era decorato magnificamente.

Sul palcoscenico del Teatro Nuovo si alternavano compagnie di prosa e gli esponenti principali dell’opera buffa, a cui è legata ancora oggi la sua fama.

Gli incendi che hanno distrutto il Teatro Nuovo

La fama del teatro di opera buffa cresceva, attirando in sala anche compagnie straniere e appassionati da tutta Europa. Tutto però finì una sera del 1861, quando un incendio divampò improvvisamente e distrusse la splendida sala lignea. L’architetto Ulisse Rizzi cercò di riportare a nuova vita la struttura, ristrutturandola in modo molto più semplice. Apparve chiaro subito a tutti che il teatro non sarebbe più stato frequentato da nobili dame e ricchi cavalieri.

Poco male però, una ventina d’anni dopo, sul finire dell’Ottocento, il Teatro Nuovo tornò a nuova vita grazie alla diffusione della prosa dialettale. La sala era amata da capocomici e appassionati del genere dialettale, lavorava tantissimo con spettacoli diurni e notturni e il pubblico che proveniva da tutta Italia.

Il 1888 è un anno fondamentale per la storia del Teatro Nuovo e del teatro napoletano in generale: la compagnia di comici di Gennaro Pantalena mise in scena ‘O voto, 萨尔瓦多·迪·贾科莫. Quest’operazione comportò la nascita del Teatro d’Arte e il primo tentativo di creare una compagnia stabile, che superasse i limiti delle maschere tradizionali, a favore di approfondimenti psicologici e moderni.

Il successo del Teatro Nuovo continuò fino al 12 gennaio 1935, dopo la messa in scena di Mille luci, uno spettacolo con musiche, balletti, sorrisi. La luce di un camerino rimase fatalmente accesa, il Teatro Nuovo subisce un nuovo devastante incendio, che farà scendere per alcuni anni la saracinesca davanti alle sale.

Alcuni grandi nomi che si legano al Teatro Nuovo

Al nome del Teatro Nuovo dei Quartieri Spagnoli si legano nomi di autori e attori centrali della storia del teatro napoletano: 萨尔瓦多·迪·贾科莫, Ernesto Murolo, Roberto Bracco, Libero Bovio, grandi attori della Compagnia del San Carlino.

L’impresario Don Pasquale Molinari, con una mossa astuta, si assicurò in quegli anni l’esclusiva sulle commedia di Scarpetta, che portò un pubblico interessato e acuto e grande successo al Teatro.

Su questo stesso palcoscenico si rafforzarono i nomi immortali dei giovani Raffaele VivianIE 托托, su cui in modo lungimirante Molinari investì.

Non potevano mancare all’interno di questa sfilza di grandi nomi del teatro napoletano ed italiano i fratelli 德菲利波, che per un anno, a cavallo tra il 1930 e il 1931, fecero del Nuovo il loro palcoscenico, mettendo in scena i loro più grandi successi e creando sketch strepitosi.

La storia recente del Teatro Nuovo

Il Teatro Nuovo dei Quartieri Spagnoli: la fenice che si rialza dopo 2 incendi

Da quella infausta notte del 1935, il Nuovo scomparve dalle storia del teatro napoletano e dal ricordo del pubblico. Fino al 1985, quando due giovani attori, Angelo Montella e Igina Di Napoli, decisero di far rivivere quello spazio. Non era più la sala sfarzosa di un tempo, ma il calore rimase lo stesso. La volontà era quella di rinnovare ancora una volta il linguaggio teatrale in una città che ha dato tanto al mondo del teatro.

Nei tempi più recenti il Teatro Nuovo si lega a nomi di spicco della vita culturale napoletana: qui Annibale Ruccello mise in scena i suoi primi spettacoli, 马里奥·马托内 ha presentato alcuni dei suoi spettacoli storici, Enzo Moscato ha costruito alcune delle sue performance incredibili.

La storia secolare del Teatro Nuovo è quella di una fenice tutta napoletana, che rinasce ogni volta dalle sue, metaforiche e non, ceneri.

L’augurio è quello di poter vedere ancora per tanti anni il successo di un luogo storico come il Teatro Nuovo dei Quartieri Spagnoli.

参考书目

Giulio Baffi, Teatri di Napoli, origini, vicende, personaggi e curiosità dei teatri di posa, Newton & Compton edizioni, ottobre 2002.

成为支持者!

我们决定从网站上删除广告,以确保最大程度地享受我们的故事。但是,我们需要资金支持来维持我们的编辑活动:加入我们平台的支持者,为您提供许多优势和预览视频!

发表评论

错误: 注意: 您不能复制内容!