Il mosaico veneto della Galleria Umberto

Il mosaico veneto della Galleria Umberto

Il mosaico con i segni zodiacali della Galleria Umberto parla veneto. Nello specifico, ci riferiamo proprio alla capitale della terra del Doge, la bellissima Venezia. Fu infatti il maestro Giulio Padoan, lo stesso che realizzò anche i mosaici della Stazione di Milano Centrale, a creare l’opera d’arte sul pavimento della galleria.

Un artista internazionale

mosaico Padoan Galleria Umberto

La sua storia inizia nel 1952, quando fu restaurato completamente il pavimento della galleria, ormai distrutto dall’usura di 80 anni di pedate e, soprattutto, a causa dei danni della guerra, che avevano rovinato gli interni della galleria.

Mosaico Padoan Galleria Umberto

Mosaici milanesi

Il bando fu vinto da una ditta di Venezia, oggi non più esistente, fondata e rappresentata da Giulio Padoan. Fu particolarmente attiva fra gli anni ’20 fino agli anni ’60 del secolo passato, realizzando opere d’arte in numerose città importanti d’Italia e all’estero (ci sono mosaici anche in Brasile!). Questo è anche un tratto in comune fra la Galleria Umberto e la Stazione Centrale di Milano: uno dei mosaici più famosi, commissionati dall’allora amministrazione fascista che fece realizzare l’intero edificio monumentale, doveva celebrare il progresso tecnologico nei trasporti italiani, con tre “ninfe” che rappresentavano l’aviazione, la marina e le ferrovie.

Ristrutturazioni napoletane

Nel caso del progetto previsto dal Comune di Napoli, che all’epoca era guidato da Achille Lauro, il senso del mosaico era molto più semplice, ma estremamente più complesso ed esteso nella realizzazione. Doveva infatti seguire fantasie decorative astratte e colorate come i segni zodiacali, che ancora oggi attirano i turisti alla ricerca di una foto vicino alla propria stella fortunata.

-Federico Quagliuolo

Mosaico stazione di Milano
Il mosaico della stazione di Milano
You May Also Like
L'acquavitaro: l'antenato del barman Napoletano

L’acquavitaro: l’antenato del barman Napoletano

Negli ultimi anni il settore del bar, ha visto uno sviluppo esponenziale sia di quantità che di qualità. I bar man si sono specializzati e hanno creato correnti stilistiche  come…
Palazzo d'Avossa: il più grande edificio storico di Salerno

Palazzo d’Avossa: il più grande edificio storico di Salerno

Con i suoi 1.330 metri quadrati di superficie e un’altezza superiore ai 20 metri, il palazzo d’Avossa è il più grande edificio storico di Salerno.In via delle Botteghelle 11 il…
Buone fatte feste - Il perchè degli auguri dati dopo

Buone fatte feste – Il perchè degli auguri dati dopo

Auguri prima, perché i tuoi auguri sembrano indispensabili per la riuscita delle buone feste dell’altro. Auguri durante, perché così si fa. Ma auguri dopo perché? Chi l’ha inventata ‘sta cosa di fare gli auguri dopo? Auguri di cosa?
Marechiaro, un luogo dell'anima.

Marechiaro, un luogo dell’anima.

Il piccolo Borgo Marechiaro, nel quartiere Posillipo, è uno dei luoghi più incantevoli della nostra città ed un rifugio di pace dal caos quotidiano. Tra lusso e pescatori, mare e fiori lungo la strada, con i suoi ristorantini caratteristici e le viuzze strette è stato uno dei simboli della dolce vita napoletana negli anni ’60.