La Partenope di Materdei: un capolavoro di street art firmato Bosoletti

La Partenope di Materdei: un capolavoro di street art firmato Bosoletti

Salita San Raffaele è dal 2015 l’incanto del Rione Marterdei grazie alla presenza di Partenope: mentre si sale la stretta e ripida salita, fra lo scivoloso basolato vesuviano e gli intonachi caduti dei palazzi antichi di Martedei, compare all’improvviso il volto della leggendaria sirena napoletana, ritratta nelle vesti di una donna meravigliosa che ricopre la facciata di un intero palazzo e accoglie i visitatori con uno sguardo sognante.

Partenope di Materdei
Fotografia di Federico Quagliuolo

Un artista innamorato di Partenope

Dovrebbero chiamarlo “Bosoletti fa’ presto“, un po’ come Luca Giordano, per la rapidità impiegata nel realizzare in soli 3 giorni un’opera così gigantesca. Del favoloso pittore napoletano, fortunatamente, l’argentino ha preso solamente la rapidità e non l’avarizia, dato che ha lavorato gratuitamente a favore di un comitato di quartiere.

L’altro aspetto che rende ancor più bella quest’opera, infatti, è l’iniziativa che ha portato alla sua realizzazione: si tratta di un crowdfunding organizzato dai cittadini, che hanno deciso di rinnovare con l’arte la facciata di un anonimo e “scarrupato” palazzo di Materdei. Per giunta, proprio pochi metri prima della Partenope di Bosoletti, c’è un secondo disegno raffigurante un’altra donna che cela il suo viso sulla porta di un palazzo.

Ed oggi, per gli abitanti dell’antico rione schiacciato fra il Vomero e Santa Teresa degli Scalzi, c’è un motivo in più per affacciarsi la mattina e prendere un caffè alla finestra in compagnia della bellezza di un’opera d’arte.

-Federico Quagliuolo

La storia è dedicata a Ugo Mazzotta per la sua generosa donazione. Sostienici anche tu e aiutaci a tenere in vita Storie di Napoli!

Per visitarla:

You May Also Like
La strada romana dietro la fermata di Salvator Rosa racconta le origini del Vomero

La strada romana dietro la fermata di Salvator Rosa racconta le origini del Vomero

Ci troviamo oggi a via Conte della Cerra , più precisamente dove si trova la parte più alta della stazione della metropolitana di Salvator Rosa; ma cosa rende speciale questo luogo? Il fatto che qui ,incastonati tra i palazzi del boom edilizio degli anni Sessanta, vi siano resti di un’antica strada romana. Questa era la via , denominata Antiniana, che da Napoli ( precisamente da piazza San Domenico Maggiore) conduceva a Pozzuoli passando per la collina del vomero.