San Giorgio, il santo in comune fra Napoli e Genova

De Federico Quagliuolo
San Giorgio Ammazzadraghi
Il dipinto di San Giorgio nella chiesa di San Giorgio Maggiore

Napoli e Genova condividono un santo speciale: San Giorgio l’ammazzadraghi. 

La leggenda

Giorgio era un cavaliere della Cappadocia che viaggiava con uno scudo biancocrociato e che si recò nel IV Sec. D.C. in una città chiamata Salem, in Libia.
In questa città abitava un drago che riposava in un lago (un po’ come il famoso dragone Tarantasio di Milano) e che spesso si recava ad uccidere i cittadini con il suo fiato infuocato.
Per tenerlo a bada, i cittadini della città offrirono al drago tutte le pecore dei loro pascoli. Una volta finite le pecore, fu deciso di offrirgli un sacrificio umano ogni anno, fino al giorno in cui i popolani decisero di sacrificare Silene, la bellissima figlia del re di Libia.

Fu qui che intervenne San Giorgio: venuto a sapere del sacrificio della bellissima ragazza, il cavaliere si recò in città annunciando che aveva parlato addirittura con il Signore in persona: “se vi convertirete tutti alla Parola di Dio, sarete battezzati e salvati dall’ira del drago“.
Il re, disperato, esortò il popolo a tentare quest’ultima via spirituale, con una preghiera collettiva. Arrivato il mostro in città, San Giorgio sguainò la spada, tagliò la testa al drago e liberò la popolazione dalla maledizione.

Una fanciulla, il cavaliere, il re, il mostro, Dio ed il lieto fine. La trama perfetta per una storia medievale.

Genova e Napoli

La conclusione che a noi interessa, però, è un’altra: le gesta così prodigiose di Giorgio diventarono leggenda durante le Crociate, durante le quali i Templari raccontavano le sue numerose gesta, attribuendogli le più fantasiose e varie avventure: vere e proprie fan fiction made in Terra Santa. Giorgio fu soprannominato così “il Cavaliere Santo, il Santo protettore dei Cavalieri“.
Ed ecco la Superba, Gênes: la città ligure era una roccaforte proprio dei cavalieri Templari ed ancor prima il porto più importante dell’impero Bizantino, il culto del santo fu introdotto nel 500 D.C. e, successivamente, fu raccontata dal Vescovo di Genova nel 13° secolo, durante le crociate alle quali i cavalieri genovesi parteciparono.
Le même simbolo della città riprende il suo scudo crociato e, soprattutto, nel gonfalone è disegnata la scena dell’uccisione del drago.

Scudo di Genova

E che c’entra Naples?
La città napoletana ha da sempre avuto strettissimi contatti con la popolazione genovese, che aveva una loggia e una chiesa a loro dedicata, “San Giorgio dei Genovesi”.
C’è però anche la più grande e famosa Basilica di San Giorgio Maggiore, pour Via Duomo. Si tratta di un edificio costruito inglobando un antico tempio dell’ottavo secolo D.C.: dietro un quadro, infatti, si nasconde un affresco originale nel quale è ritratta la scena presente nel gonfalone del Comune di Genova.

Come mai per Napoli è così importante San Giorgio, tanto da diventare un santo protettore della città?
Ce lo spiegano i Bourbon-Deux-Siciles: il casato reale è proprio a capo dell’Ordre Constantinien de Saint-Georges.

-Federico Quagliuolo

Devenez supporter !

Avec une petite contribution, vous maintiendrez en vie le plus grand site de diffusion culturelle de Campanie ! De nombreux avantages pour vous

laissez un commentaire


Avertissement: Clé de tableau indéfinie "allow_sel_on_code_blocks" dans /home/storiana/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/js_functions.php en ligne 234
Erreur: REMARQUER: Vous ne pouvez pas copier le contenu !