San Leucio, un sogno industriale fatto di seta

劳拉·达沃萨

卡塞塔皇宫, al Quirinale 和人 Vaticano sono presenti alcuni manufatti in seta di San Leucio, un piccolo borgo in provincia di Caserta. Da qui hanno origine persino le bandiere della Casa Bianca e quelle di Buckingham Palace.

La storia della seta che fece il giro del mondo ha inizio nel 1773, 什么时候 波旁王朝的斐迪南四世, poco tollerante al lusso estremo degli ambienti reali, decide di costruirsi un rifugio in un luogo solitario, per poter sfuggire di tanto in tanto alla fastosa vita di corte.

Seta di San Leucio macchinario
Un macchinario di produzione della seta di San Leucio

Come nacque San Leucio

Il palazzo viene innalzato in prossimità del Parco di Caserta, dove già precedentemente sorgeva il rudere di una cappella dedicata al martire San Leucio.
Ferdinando vi trascorre giorni di spensieratezza per cinque anni, finché nel 1778 si verifica un evento del tutto inaspettato: il suo primogenito 卡洛·蒂托 muore di vaiolo.

Così il sovrano non può fare a meno di lasciare quel luogo, culla di tanti ricordi, dove ormai l’assenza del figlio sta diventando poco a poco una presenza insostenibile. Decide, però, di non abbandonare quella costruzione incustodita, ma di trasformarla in un ospizio per poveri. Quindi per evitare che i nuovi abitanti vadano a creare una colonia di “scostumati e malviventi”, come lo stesso Ferdinando scrive, fornisce loro un’occupazione.

San Leucio, un sogno industriale fatto di seta
Belvedere di San Leucio

La seta di San Leucio

La fonte di lavoro si trova nella produzione di seta, uno dei settori tecnologicamente più avanzati nell’Europa dell’800. La colonia, infatti, si espande rapidamente, i suoi cittadini iniziano una collaborazione senza precedenti. I ritmi sono incalzanti, ogni lavoratore opera nella fabbrica incessantemente dalla mattina al tramonto con una sola breve interruzione per il pranzo. Anche la vita sociale è organizzata con disciplina. Si celebrano matrimoni solo tra concittadini e se un uomo desidera sposare una straniera, quest’ultima può essere accolta nella colonia solo se impara il mestiere della tessitura.
Addirittura si racconta che una volta fu rinchiuso nel carcere del paese un leuciano e il sovrintendente lo obbligò a tessere affinché non “oziasse”.
Così i risultati di tanta fatica e perseveranza arrivano lontano e il sogno rivoluzionario di 费迪南多波利 valica confini di spazio e di tempo, attraversando i secoli e l’oceano, sino a raggiungere i nostri giorni e l’altra parte del mondo.

San Leucio, un sogno industriale fatto di seta
complesso monumentale di San Leucio

劳拉·达沃萨

成为支持者!

Storie di Napoli è il più grande sito web di promozione e storytelling della regione Campania. È gestito esclusivamente da giovani professionisti residenti nel territorio regionale: contribuisci anche tu alla crescita del progetto. Per te, con un piccolo contributo, ci saranno numerosissimi vantaggi: tessera di Storie Campane, libri e magazine gratis e inviti ad eventi esclusivi!

发表评论

错误: 注意: 您不能复制内容!