napoli sotto san gaetano

Napoli Sotterranea: le rovine sotto Piazza San Gaetano

Napoli, si sa, è costellata di tesori archeologici più o meno conosciuti , ma tutti di grandissima rilevanza storica e culturale. La Napoli sotterranea è uno di questi, nonché uno dei più conosciuti ,sebbene in pochi sappiano che esistono molti ingressi a questo meraviglioso mondo del sottosuolo.

Napoli Sotterranea: le rovine sotto Piazza San Gaetano
All’interno di Napoli Sotterranea

Napoli Sotterranea: un gioiello in pieno centro storico

Quello più conosciuto è sicuramente quello di Piazza San Gaetano , ma ben pochi sanno che un’altra vasta area di Napoli sotterranea è esclusivamente accessibile dall’Interno della basilica di San Lorenzo Maggiore, ubicata nella medesima Piazza.

La Basilica si trova dove all’epoca greca sorgeva l’Agorà , diventata poi Foro con i romani, che era il cuore pulsante delle attività economiche e politiche dell’antica Neapolis. Infatti nel chiostro settecentesco della basilica sono visibili alcune parti del “macellum”, il mercato romano, risalente aI I secolo d.C.

All’età greca rimanda il tracciato di una strada, uno stenopos, poi definito cardo (cardine) della Napoli sotterranea, ricoperta da un lastricato del V secolo d.C.. Alla serie di nove botteghe (tabernae),in sui sono stati individuati un forno e vasche per la tintura dei tessuti si aggiunge un criptoportico(mercato coperto) suddiviso in piccoli ambienti ,dei quali tre costituivano probabilmente “l’erarium”, dove era custodito il tesoro cittadino.

Dopo il V secolo d.C., probabilmente a seguito di riversamenti di natura alluvionale, si incominciò a edificare su queste antiche rovine fino a che nel XIII secolo furono costruiti il convento e la basilica gotica, che nascosero per secoli i resti dell’antica Neapolis.

Nel corso degli ultimi anni sono venuti alla luce altri ambienti ,nei quali si trova una monumentale opera idraulica risalente ad epoca tardo-ellenistica, usata per incanalare il flusso delle acque sfruttando le pendenze naturali. A questo segue un edificio che probabilmente ospitava una “schola” , sede di corporazioni sacre o artigianali. Esso si differenzia da quelli destinati al commercio soprattutto per la sua raffinatezza, poiché dotato di rappresentazioni musive e di decorazioni parietali, oltre ad essere anche più antico.

Come potete vedere Napoli non cessa mai di stupire , facendo venire alla luce piano piano i suoi luoghi più nascosti , nonché le sue storie più affascinanti , che noi passo passo ci ripromettiamo di raccontarvi.

-Gaia Borrelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

La scena fatale di Donna Anna Carafa

La scena fatale di Donna Anna Carafa   Donna Anna Carafa, moglie del duca di Medina Coeli, amava organizzare magnifici ricevimenti a cui partecipava tutta la nobiltà napoletana e spagnola.…
La Villa Floridiana: cuore verde del Vomero

La Villa Floridiana: cuore verde del Vomero

E’ nel cuore di molti napoletani, un luogo dove tanti hanno trascorso l’infanzia e la giovinezza, giornate spensierate ed attimi di vita. Un luogo di memoria collettiva dove, tutto a un tratto, il contatto con la natura diventava tangibile; cosa rara in una grande città come la nostra. Lo stesso nome ci suggerisce la natura felice di questo avamposto di serenità: la Villa Floridiana