Pizza fritta: sorella povera della pizza al forno

Pizza fritta: sorella povera della pizza al forno

pizza fritta


Si sa che il mondo è fatto di figli e figliastri, come si sa che a Napoli anche ai limiti si trovano scappatoie.
È qui che la bella primogenita Margherita, si trova a fare i conti con la sorella illegittima, che pur vivendo nella sua miseria, trova consensi.
Siamo alla fine della seconda guerra mondiale, periodo di crisi nera, quando anche la pizza napoletana è cibo di lusso. Il pomodoro, la mozzarella? Difficili, o per meglio dire, troppo costosi da recuperare. Per non parlare del forno a legna, mica si trova ovunque. Ed è qui che sta l’ingegno della donna di famiglia napoletana, che se il marito a casa non porta soldi, il piatto a tavola non lo fa mancare, piuttosto, il mestiere se lo inventa!
Serve qualcosa che costi poco, per chi lo produce e per chi lo compra, saporito e da poter cucinare ovunque. È così che nasce un nuovo metodo per cucinare l’impasto della pizza, FRITTA.
La PIZZA DEL POPOLO, perchè sono le stesse donne di casa a venderle per le strade e arrotondare un po’ lo situazione economica della famiglia.

La pizza fritta entra anche nella filmografia, quando De Sica, inserisce nel “L’oro di Napoli” la bella Sofia Loren, a vendere la “PIZZA A CREDITO“: la pizza che si compra oggi e puoi pagare entro otto giorni.

Che dire, i napoletani si fanno riconoscere, sempre.

Lidia Vitale

Se vuoi leggere invece una storia sulla pizza al forno, eccola qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Quando Napoli stava per diventare la capitale d'Italia con Re Ladislao

Quando Napoli stava per diventare la capitale d’Italia con Re Ladislao

Quattrocento anni prima del Risorgimento, in Italia un giovanissimo re provò ad unificare il paese sotto un’unica corona. Si chiamava Ladislao ed era il Re di Napoli: la sua fantastica storia
Un Jurassic Park tutto napoletano: il Museo di Paleontologia

Un Jurassic Park tutto napoletano: il Museo di Paleontologia

Il Museo di Paleontologia di Napoli regala suggestioni uniche, un viaggio a ritroso di milioni di anni, in ere in cui non c’era spazio per l’uomo. Questo è un museo eccezionale e merita di essere conosciuto e lodato, non solo per l’eccezionale varietà e rarità dei suoi reperti, ma anche per l’incredibile valore artistico e architettonico del contesto che lo ospita.
“Vedi Napoli e poi muori": cosa si nasconde dietro il detto?

“Vedi Napoli e poi muori”: cosa si nasconde dietro il detto?

Ognuno di noi ha sentito il detto “Vedi Napoli e poi muori”, c’è chi, purtroppo, lo ha utilizzato con un’accezione negativa, chi ancora non si spiega il suo vero significato.…
Cecilia ed il segreto del Teatro

Cecilia ed il segreto del Teatro

I. E’ da quando ha quattro anni che Cecilia, detta Cece, guarda con aggressiva tenacia e con una quasi disperata  dignità gli attori muoversi sul palcoscenico logoro del Teatro a…