Torre del Greco: cittadina del corallo e non solo

Torre del Greco: cittadina del corallo e non solo

10986469_1548243218788472_7272868517362048413_o

Passeggiando per Torre del Greco giorni fa, noi di Storie di Napoli ci siamo imbattuti in questa costruzione dal bianco candido e la facciata prospettiva al mare, sempre col sole in fronte. Si legge a grandi lettere “Basilica Pontificia” di Santa Croce che per secoli è stata luogo d’incontro della popolazione nei momenti importanti.

La Chiesa fu costruita negli ultimi anni del 1400 e i primi del 1500 grazie alle offerte dei cittadini lasciati nei barili ai piedi di una croce, da qui quindi il nome.

Dato che una delle regole dettate dal Concilio di Trento fu quella di costruire parrocchie in ogni città o paese, la chiesa così divenne inizialmente “Parrocchia” di Torre del Greco.

Nel 1794 nell’eruzione del Vesuvio però venne distrutta completamente e la lava seppellì parzialmente il campanile ma senza distruggerlo. I torresi assistendo a questo “miracolo”, decisero di ricostruire la cittadina ripartendo proprio da quel piazzale e quella chiesa. La riedificazione terminò nel 1827 e avvenne seguendo lo stile neoclassico del tempo.

Si dice che durante la ricostruzione arrivò una misteriosa e sconosciuta nave dalla Libia con un carico di legname offerto gratuitamente per ricomporre lo scheletro portante del tetto.

All’interno sulla parete di una delle cappelle sono incisi tutti i nomi degli abitanti di Torre del Greco uccisi durante la seconda guerra mondiale e non mancano poi le spoglie del beato Vincenzo Romano, la statua della Beata Vergine Immacolata, reliquie, immagini di innumerevoli santi e lapidi che ricordano visite papali.

Come vedete, Torre del Greco è la città del corallo e non solo.

-Mariagiovanna Guillaro

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Lo tsunami a Napoli del 1343 raccontato da Petrarca

Lo tsunami a Napoli del 1343 raccontato da Petrarca

Una storia incredibile, e soprattutto affascinante, è quella che riguarda lo tsunami che ci fu a Napoli il 25 novembre del 1343, testimoniato da Petrarca.
Isole Tremiti: le isole pugliesi dove si parla il napoletano

Isole Tremiti: le isole pugliesi dove si parla il napoletano

Le isole Tremiti e le isole Pegalosa si trovano in provincia di Foggia ma il dialetto tipico degli abitanti è un misto tra napoletano ed ischitano. Come mai?
Qual è l'origine della parola "ricchione"?

Qual è l’origine della parola “ricchione”?

Per spiegare l’etimologia del termine ricchione bisogna risalire all’epoca vicereale: infatti è noto che molte parole napoletane derivino da piccole modifiche, susseguitesi nel tempo, di vocaboli stranieri.