Santa Maria di Portosalvo: storia di un miracolato.

Santa Maria di Portosalvo: storia di un miracolato.

santa maria di portosalvo storie di napoli
Qualche tempo fa vi abbiamo parlato della magnifica storia del Castello del Carmine. Nei pressi dei suoi torrioni, c’è ancora un altro splendido monumento storico della nostra città che deve pagare l’ingiusto conto dell’abbandono e del degrado: la Chiesa di Santa Maria di Portosalvo.

La storia di questa chiesa è particolarmente affascinante. Siamo nel XVI secolo, e un marinaio, tal Bernardino Belladonna, miracolosamente scampato a un naufragio, decide di fondare, in segno di ringraziamento, una Congrega, e di annettervi anche una Chiesa.
Sceglie di costruire quest’ultima nella zona del Mandracchio, ossia fuori le mura della città: è per questo che la Chiesa di Santa Maria di Portosalvo viene ancora chiamata, tra i più anziani, “fuori le mura”.

Ottenuti i permessi necessari, Belladonna inizia i lavori con il sostegno dei primi tre iscritti alla congrega, Fra’ Marco Albano, Nardo Calvanico e Annibale di Pronillo, nel 1554. A dispetto della terribile carestia che falcidiò la popolazione nel 1560, i lavori proseguirono e si conclusero nel 1564.

La Congrega di Santa Maria di Portosalvo fu, nei secoli, sempre attentissima alle cure della Chiesa, premurandosi di rimodernarla e arricchirla con tele e opere di artisti famosi. Nel 1749 fu inoltre conclusa la costruzione della palazzina annessa alla Chiesa, sede ufficiale della Congrega stessa.

Nell’abbandono e tra i rifiuti, nei muri scrostati e crollati, si ravvisa ancora oggi un’antica bellezza: la facciata stuccata, di un delicatissimo stile rococò che già risente della armonica sensibilità ottocentesca, ormai alle porte; un portale in piperno bugnato, colonne e lesene decorative; e, all’interno, un’unica, semplice navata, con due cappelle per lato e un presbiterio la cui balaustra è decorata splendidamente con marmi e madreperle.

Gli artisti che nel tempo onorarono la Chiesa su commissione della Congrega furono molti, tra orefici, falegnami, indoratori, pittori. In particolare, oltre alla balaustra dell’altare già descritta, ad opera di Dioniso Lazzari, ricordiamo le tele di Girolamo Imparato e Battistello Caracciolo e, per quanto riguarda la cupola, gli splendidi affreschi di Nicola Russo.

Quella che oggi è una triste aiuola, nei pressi della Chiesa, era un tempo un grazioso giardinetto. Vi si ergevano (e vi si ergono ancora, seppur devastati dal tempo e dall’incuria) il quinto degli obelischi di Napoli (dopo quelli dell’Immacolata, di San Gennaro, di San Domenico e di Materdei), l’arcata di un antico fondaco di epoca aragonese e la Fontana della Maruzza.

Oggi, dopo anni di oblio, sono finalmente in corso le attività di restauro della Chiesa e dell’obelisco.
Per adesso, però, la triste facciata, dimentica del suo antico splendore, e vicino a lei il costernato spirito del miracolato Bernardino Belladonna, stanno ancora lì, in silenzio, ad osservare il traffico scorrere su Via Alcide de Gasperi.

Beatrice Morra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Via Chiaia? Era il letto di un fiume!

Via Chiaia? Era il letto di un fiume!

Via Chiaia, centro della bella Napoli, dei negozi, delle luci e della vita del quartiere più modaiolo e ricco della città. Eppure sapevate che questa strada era molto probabilmente un fiume? Ed ancora: conoscevate il vero nome del Ponte di Chiaia?
Palazzo Reale di notte

Le statue dei re di Napoli a Piazza Plebiscito non piacevano a nessuno

Le statue di Palazzo Reale oggi sono viste con ammirazione da tutti i turisti, ma non dovevano star lì: furono costruite fra mille polemiche ed il disappunto di Umberto I. Oltretutto, non dovevano star lì dove sono state costruite. Come mai?
“Fai 'o bravo, sennò viene 'o Mammone”, fra sogno e… realtà

“Fai ‘o bravo, sennò viene ‘o Mammone”, fra sogno e… realtà

Per ogni capriccio, per ogni pianto, per ogni volta che non volevamo andare a dormire presto la frase era sempre la stessa : “fa’ o brav, si no vene’ o…