Il Golfo di Napoli: un legame indissolubile

Il Golfo di Napoli: un legame indissolubile

 

tempesta mare

E’ una domenica pomeriggio, di quelle piovose, buie, tristi. Ma non è triste perché piove, anzi, ho sempre amato la pioggia: è triste perché la mia casa è vuota. Non ci sei tu e questo non può trovare consolazione. La casa che prima amavo ora è un luogo a me nemico, perché in ogni momento mi fa ricordare te. Un’ atmosfera troppo pesante, allora esco. Piove violentemente e il freddo è pungente ma mai quanto dentro di me: qui c’è il gelo. Mi dirigo a Via Caracciolo dove mi portavi ogni domenica pomeriggio per passeggiare e prendere un gelato; è sempre stato un luogo perfetto per pensare. Mi siedo sul muretto e guardo il mare: è tempestoso, dello stesso grigio cupo del cielo. Le onde alte si infrangono sugli scogli, aggiungendosi alle gocce di pioggia che già provvedono a bagnarmi. Il forte rumore del mare fa da sottofondo ai boati dei tuoni e allo scroscio insistente del diluvio. E’ tutta un’ indistinta massa grigia, squarciata periodicamente dal bagliore dei fulmini che illuminano tutto il golfo di Napoli. A questo violento spettacolo della natura, si oppongono la quiete e il silenzio della strada deserta. Da piccola mi arrabbiavo quando mi dicevi che non potevo farlo, che dovevo ripararmi dalla pioggia e diffidare del mare in tempesta; ti rinfacciavo che tu da giovane lo facevi. Ultimamente mi sono chiesta se questo lo ricordavi, visto che poi hai iniziato a dimenticare anche il mio nome. Da giovane ti immagino come me: seduta sul muretto con le gambe penzoloni dal lato degli scogli, immobile mentre fissi questo scenario. Il tempo passa e la pioggia sta diminuendo, le prime persone iniziano ad uscire timidamente dalle loro abitazioni. Mi giro a guardarle e nel voltarmi noto un’ insegna strampalata ma familiare: il bar dove mi portavi a prendere il gelato! Entrando, noto con piacere che nulla è cambiato. “Gelato al cioccolato fondente” chiedo, come piaceva a noi. Mangiando esco dal bar e noto che ha smesso di piovere: si iniziano a intravedere squarci di sole tra le nuvole ormai rade, il mare è un po’ più calmo.

Assorta nei miei pensieri e nei ricordi proseguo la passeggiata e mi ritornano in mente le nostre “avventure”, le abitudini in comune, i tanti lati del mio carattere che sono uguali al tuo.  Guado di nuovo il mar: è più calmo, il fa capolino tra le nuvole, il caldo aumenta e la soffusa luce solare del tramonto si spande per tutto il golfo, generando riflessi incantevoli sul mare e nel cielo. Ma il sole è tornato anche nel mio cuore, perché finalmente ho capito: avendo tante cose in comune con te, come il carattere, i ricordi, le abitudini e persino il tic  delle mani, è come se ti portassi dentro. Sono maggiormente consapevole che vivrai ancora grazie a tutti gli insegnamenti che mi hai dato, e questi mi accompagneranno e aiuteranno per tutta la vita.

Guardo il panorama che entrambe amiamo e che ci lega indissolubilmente: ora sono pronta a dirti “Addio, Angelo mio”.

-Roberta De Masi

Foto di Federico Quagliuolo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
La ragazza misteriosa: un incontro che cambia la vita

La ragazza misteriosa: un incontro che cambia la vita

La ragazza misteriosa: un incontro che cambia la vita “Ho fame, vi prego aiutatemi”. Recita così la didascalia del pezzo di cartone di Aamir, arrivato in Italia per cercare un…
Un eroe mascherato da Pulcinella

Un eroe mascherato da Pulcinella

Disegno di Lisa Nagisa ‘O surdato ‘nnammurato, ‘O Sarracino, Maruzzella … erano molteplici i brani napoletani che cantava, diffondendo per le strade di S. Lucia dolci melodie. Il suo corpo,…
La ragazza di Posillipo: una strana solitudine

La ragazza di Posillipo: una strana solitudine

La ragazza di Posillipo: una strana solitudine Era impossibile non notarla, era una ragazza estremamente particolare: vestiva di nero, lo stesso colore dei suoi capelli, pallida in volto, aveva due…