vaiasseide

La Vaiasseide, ritratto di una città

vaiasseide
Vaiassa: va·iàs·sa/, meridionale, sostantivo femminile
  1. Serva, fantesca.
    • estens.
      Donna del popolo sguaiata e volgare, incline al pettegolezzo e alla rissa.
Voce napol.; alterazione di bagascia.
vaiasseide

Quante volte abbiamo sentito il termine vaiassa? L’etimologia che abbiamo riportato è la più accreditata, ma comunque resta insicura.

Quello che sappiamo con certezza è che la figura della serva sguaiata e pettegola è una delle più colorite e forti della scena folklorica napoletana. Non è un caso, in effetti, che attraverso i secoli il termine si sia conservato intatto e salga facilmente alle labbra di tutti nel momento in cui vogliano denominare un particolare tipo di persona.

Tuttavia occorre cancellare dalla nostra mente l’immagine della “vaiassa moderna”: quella, insomma, che siamo abituati a vedere gironzolare per la città con modi non esattamente aggraziati e discreti; dobbiamo fare uno sforzo d’immaginazione e risalire all’origine primaria del termine. Servirà, all’occorrenza, un tuffo nella colorata, colorita, povera e agitata Napoli del ‘600.

La vaiassa, in questo contesto, altri non era che la serva di casa, la fantesca, come d’altronde riporta il primo significato del termine: tra gonne ampie, fasce colorate, panni stesi e secchi d’acqua contribuiva a costruire il variopinto quadro della Napoli spagnola.vaiasseide

E in effetti, nei primi anni del XVII secolo, ci fu uno scrittore che decise di lasciare ai posteri un’epopea altrettanto variopinta di questo tipo umano: stiamo parlando di Giulio Cesare Cortese e della sua Vaiasseide.

Apparso per la prima volta sui tavoli delle tipografie napoletane nel 1612, l’opera è un poemetto eroicomico in cinque canti, e narra le avventure d’amore di tre serve:  Renza, Preziosa e Carmosina. I padroni delle tre protagoniste tentano di ostacolare il loro matrimonio coi rispettivi innamorati, Manichiello, Cienzo e Ciullo.

Secondo alcune fonti, l’idea per scrivere l’opera sarebbe venuta all’autore in seguito a un rifiuto amoroso: una gentildonna di Firenze, dove si trovava in viaggio, lo avrebbe rifiutato arrivando a colpirlo con una scarpetta. Questo comico episodio, forse aneddotico, forse veritiero, sarebbe dunque alla base della Vaiasseide.

L’opera costituisce un preziosissimo affresco del popolo napoletano del XVII secolo; le scene quotidiane che parodiano le grandi scene epiche, i vocaboli chiassosi e coloriti che sbeffeggiano il barocco dei marinisti e più in generale la vivacità e l’intelligenza della penna di Cortese offrono una testimonianza su questo periodo storico pari a quella di alcuni coloratissimi quadri del tempo.

Attraverso i versi di quest’opera possiamo respirare a pieni polmoni antiche e lontane tradizioni della nostra città: dai piatti tipici della nostra gastronomia offerti alle nozze alle superstiziosi sulle coppie d’innamorati, passando per una sfilza proverbi e motti popolari.

Io canto commo belle e vertolose (virtuose)
So’ le vaiasse de chesta cetate,
E quanto iocarelle e vroccolose,

Massema quanno stanno ‘nnammorate;

Beatrice Morra 

Illustrazione in copertina di Lisa Mocciaro

Sostieni Storie di Napoli con una donazione o con un Patreon!

La Vaiasseide, ritratto di una città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
La scena fatale di Donna Anna Carafa

La scena fatale di Donna Anna Carafa

La scena fatale di Donna Anna Carafa   Donna Anna Carafa, moglie del duca di Medina Coeli, amava organizzare magnifici ricevimenti a cui partecipava tutta la nobiltà napoletana e spagnola.…