Bagno Elena: un tuffo nella Storia

Bagno Elena: un tuffo nella Storia

Bagno Elena: un tuffo nella Storia

Uno scenario da favola. Ecco cosa si profila mettendo piede nella piccola baia incorniciata da Palazzo Donn’Anna e Palazzo Guercia. Un’insenatura affacciata sul blu del Golfo di Napoli, un’oasi che da oltre un secolo offre riparo dal morso del caldo estivo.

Su questa piccola lingua di spiaggia cittadina ci si poteva imbattere, nell’Ottocento, in personalità del calibro di Oscar Wilde, Richard Wagner . Durante il secondo dopoguerra invece si potevano incontrare Eduardo de Filippo , Totò e tanti altri personaggi dello stesso calibro. Non stiamo dunque parlando di un posto qualsiasi, ma dello stabilimento balneare più antico di Napoli: il Bagno Elena.

Prima ancora di costituirsi in stabilimento balneare, questa piccola baia fece anche da sfondo alla clandestina storia d’amore tra l’ammiraglio Nelson e Lady Hamilton, moglie dell’ambasciatore inglese Sir William Hamilton. Quante storie in una spiaggia così piccola!

Il Bagno Elena non nasce però con questo nome, in quanto originariamente (1840) esso era conosciuto come “Bagni Marini”. Soltanto nel 1899 si decise di rinominare lo stabilimento, in onore di Elena del Montenegro, moglie del futuro re d’Italia Vittorio Emanuele III. La futura regina difatti era molto amata e soleva inoltre fare lunghe passeggiate che da Piazza dei Martiri la portavano fino alla splendida baia.

Si dice che fu il principe Fabrizio Colonna a suggerire ai pescatori del posto che quel luogo avrebbe potuto avere una vocazione turistica e balneare, ricalcando quanto la contessa di Berry aveva fatto in Francia, sulle grandi spiagge della Normandia affacciate sul Canale della Manica.

Ancora oggi lo stabilimento ha un ruolo fondamentale nella vita balneare dei napoletani, ma anche per quanto riguarda la ricettività dei grandi eventi. Basti pensare all’evento  dei celeberrimi stilisti Dolce&Gabbana, che ha visto proprio in Bagno Elena lo scenario conclusivo di tutta la kermesse.

Il Bagno Elena, con la sua spiaggia e le sue piattaforme, rimarrà sempre un punto di riferimento per tutta la napoletanità e per tutti coloro che visitano Napoli e vogliono godersi una giornata di mare circondati da bellezze di ogni tipo! Sfido a trovare un napoletano che non abbia dei ricordi felici di questa spiaggia, credo sia quasi impossibile!

Gaia Borrelli

Sostieni Storie di Napoli con una donazione o con un Patreon!

https://storienapoli.it/sostieni-storie-di-napoli/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Plissé Papoff: la rinascita di un'arte

Plissé Papoff: la rinascita di un’arte

Plissé Papoff: la rinascita di un’arte Scorrendo veloci fra le minuscole pieghe del cartone le dita producono un rumore ritmato, una melodia che riempie l’aria del laboratorio. Guardare le quattro…
La leggenda del Ragù napoletano

La leggenda del Ragù napoletano

Ecco una poesia su come cucinare il ragù: ‘O rraù adda pippià chianu chianu ‘O rraù ca me piace a mem’ ‘o ffaceva sulo mammà.A che m’aggio spusato a te,ne…