Ode di odio alla stupenda città di Napoli

Ode di odio alla stupenda città di Napoli

Ode di odio alla città di Napoli

 


Scappava
, lontano.

Come se non ci fossero alternative.
Come se il vento lo trascinasse in tutte le direzioni e in nessuna. Come se non avesse una meta ma sentisse la necessità di cercarne una.
Era sempre così, scappava e più scappava più desiderava aggrapparsi alle cose estranee che gli risultassero più familiari.
Come se avesse bisogno di circondarsi di tutto quello che odiava così tanto, di tutto quello da cui rifuggiva.

E stringeva i denti e si disperava intorno a quei grandi alberi che gli ricordavano il suo amato pino, quello che gli faceva ripercorrere via Orazio più e più volte, instancabile, solo per ammirarne il Vesuvio da dietro.
Non sopportava che lo avessero abbattuto.
Non riusciva a inserire nei suoi ricordi quel triste evento.

Lentamente ripercorreva la sua infanzia, le parate, gli spintoni, le pallonate giù alla Sanitá, con la nonna che lo chiamava dalla finestrella per andare a cena.
Sporco, sudato, spesso sanguinante. Un sudore che sapeva di felicitá.
Non come quella giacca e quella cravatta che portava ora. Un’inquietudine che neanche fiumi di ammorbidente avrebbero nascosto.

Rileggeva le sue carte, sulla scrivania fredda del suo ufficio, con la nebbia alla finestra. E non poteva fare a meno di ricordare il sole forte che penetrava sui banchi, quando in preda all’ansia ripeteva l’ottativo prima dell’interrogazione di greco. Quante ne aveva passate al Genovesi, e il solo pensiero lo infastidiva.

Eppure, i sapori della sua città. Quelli non li aveva mai odiati.
Impacchettava sempre un po’ di Napoli prima di partire.
Alla ferrovia, comprava quelle sfogliatelle che reprimevano l’istinto di rinnegare le sue origini, l’istinto di cancellare Napoli.

Non poteva. Ci aveva provato a farla fuori, a impedire che gli ritornasse alla mente, che gli risuonasse come quelle canzoni che orecchiava a Via San Sebastiano dopo la scuola e gli risuonavano tutto il giorno nella mente.
Non riusciva a farlo, non sapeva scappare veramente.
Tentava, senza successo.
Anzi più tentava, più cercava di dimenticare, più i ricordi risalivano alla memoria più vividi, più luminosi.
Voleva fare fuori un pezzo della sua vita, come se il sangue che scorre nelle vene si potesse tutto a un tratto cambiare.

Sei troppo bella Napoli, per poterti dimenticare, troppo cara per poter veramente scappare.

Lidia Vitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Oscar Meuricoffre, il banchiere svizzero che rese Napoli la città più ricca d'Italia

Oscar Meuricoffre, il banchiere svizzero che rese Napoli la città più ricca d’Italia

Nel Cimitero degli Inglesi c’è una tomba abbandonata che racconta la storia di uno degli uomini più potenti della storia di Napoli: Oscar Meuricoffre, uno degli uomini più importanti dell’economia napoletana, fino all’arrivo dei Savoia.
La Chiesa di San Potito trova il riscatto, Ad Alta Voce.

La Chiesa di San Potito trova il riscatto, Ad Alta Voce.

Sulla collina detta de La Costagliola, nei pressi del Museo Archeologico Nazionale, c’è una piccola chiesa, silenziosa vittima – fino a poco tempo fa – di troppe peripezie: la Chiesa…
Il Sacello degli Augustali di Bacoli: testimonianza imperiale

Il Sacello degli Augustali di Bacoli: testimonianza imperiale

Il Sacello degli Augustali è una testimonianza del culto dell’Imperatore augusto e si trova a Miseno
Torre Caselli (o Villa Bertè): dove si riunivano gli artisti

Torre Caselli (o Villa Bertè): dove si riunivano gli artisti

Torre Caselli è un edificio abbandonato che versa in pessime condizioni in Cupa Imparato, ai Colli Aminei. Un tempo era la Villa di Campagna dei Marchesi Caselli, una famiglia nobiliare di Napoli sin dai tempi dei Normanni. Ma perchè Torre Caselli veniva chiamata fino a qualche anno fa Villa Bertè?