A Napoli la neve fa sciogliere il cuore

A Napoli la neve fa sciogliere il cuore

“Svegliati! Vieni a vedere, è uno spettacolo bellissimo, c’è la neve!”. Mia moglie poteva essere un po’ più delicata: è un giorno di festa e sono appena le 8:00 del mattino. La tentazione è quella di restare a letto, dopo una settimana di lavoro duro anche se soddisfacente. La curiosità dettata dalle condizioni meteo preannunciate qualche giorno fa mi spinge però a liberarmi dalle coperte, scendendo dal letto. “Ti ho preparato il caffè, prendilo ancora finché rimane caldo”. Anita si è fatta subito perdonare, con la sua dolcezza e il suo bacio soffice. Soffice come la neve, che scende in maniera relativamente calma fino a sfiorare il nostro balcone, per concludere la sua corsa sull’asfalto e nel verde del prato vicino. Aveva ragione lei: è uno spettacolo bellissimo, a quale Napoli non è abituata. Uno show troppo intenso per non approfittarne a pieno.

Una neve speciale a Napoli

Per strada, i bambini si lanciano addosso palle di neve o mettono su pupazzi dall’estetica eccentrica. Una gioia per gli occhi vederli giocare così. Ad Anita sarebbe piaciuto, anche solo per compensare l’idea di un figlio che sfortunatamente non può avere. Un macchia d’autostima che però non smette di renderla non solo la donna dei miei sogni ma anche della mia vita reale.
Dopo aver comprato il necessario per il pranzo, approfitto per fare una passeggiata tra le strade intensamente innevate del quartiere. Camminare mi ha sempre fatto bene, aiutandomi a sfogare i pensieri negativi dettati da subdole insicurezze e incertezze saltuarie. Proprio mentre sto girando il vicolo che porta alla piazza principale, mi accorgo di una presenza davvero singolare che spicca nel bianco: un piccolo cagnolino è rimasto “incastrato” in quell’asfalto di panna, con una delle sue zampine piene di neve. Lo aiuto a liberarsi e mi ringrazia con la coda scodinzolante. Non vedo targhette, nessuno in giro sembra reclamarlo o urlare il suo nome: devo supporre, dunque, che sia randagio. Mi guarda con occhi che necessitano affetto vero, come fosse un bambino strappato troppo velocemente dalle cura di una madre. Inevitabilmente, ho una scelta da compiere: posso allontanarmi, pensare che se ne occuperanno altri, che quel cane infreddolito troverà un brandello di felicità in mezzo al ghiacciare delle strade. Oppure posso fare io la differenza. E lo sguardo di questo cane mi dice che la farò.

Ho sempre desiderato avere un cane. Mia moglie se n’è subito innamorata. Le piace, è una sensazione strana ma si abituerà. Aver qualcuno di cui prendersi cura è forse l’unica cosa a cui dobbiamo realmente puntare nella vita, perché l’amore ci rende più sicuri, più forti, più felici. E tutte le paure quotidiane spariscono, nel contrasto tra affetto e senso concreto di responsabilità. Il giorno dopo la neve c’è ancora, Napoli è di nuovo vestita di bianca beltà, la neve. Ma stavolta, nella mia discesa domenicale, io non sono solo. E non lo sarò per tanto, tanto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Via Toledo e i suoi primati

Via Toledo e i suoi primati

La prima strada che ebbe l’illuminazione pubblica, la prima strada in cui si faceva la raccolta differenziata, la strada preferita da Leopardi. Via Toledo rimane la vita di Napoli
Facoltà di Ingegneria

La Facoltà di Ingegneria di Napoli, la più antica d’Italia

L’Università di Napoli non è solo la più antica istituzione pubblica del mondo, ma ha anche un’altra medaglia: ha infatti ospitato la prima facoltà d’Ingegneria in Italia. Il merito è…
Qual è l'origine della parola "ricchione"?

Qual è l’origine della parola “ricchione”?

Per spiegare l’etimologia del termine ricchione bisogna risalire all’epoca vicereale: infatti è noto che molte parole napoletane derivino da piccole modifiche, susseguitesi nel tempo, di vocaboli stranieri.
La Biblioteca Nazionale di Napoli: un mondo di libri

La Biblioteca Nazionale di Napoli: un mondo di libri

La prima volta che entrai nella Biblioteca Nazionale di Napoli avevo 14 anni. Mi ci portò mia madre, diceva che si trattasse di un posto speciale. Ero in quarto ginnasio e mi stavo allora avvicinando alle prime letture un po’ più serie. Non potevo capire a pieno il valore di tutte quelle opere lì conservate, tutti quei titoli e quegli autori erano per me del tutto sconosciuti.