Il Chiostro di Santa Maria trasformato nel Cinema Aurora

Il Chiostro di Santa Maria trasformato nel Cinema Aurora

Il Chiostro di Santa Maria trasformato nel Cinema Aurora

Il Fondo Demanio e Patrimonio. Aspetti inediti dai disegni del Quartiere Avvocata

La Chiesa intitolata a Santa Maria di Caravaggio. Cenni storici

I padri Scolopi entrarono a Napoli al principio del XVIII secolo, alloggiando presso la Duchesca, dove fondarono un istituto per educare i figli dei poveri nelle lettere e nelle virtù cristiane. A quel tempo all’interno del borgo si rilevava una mancanza di scuole. Felice Pignella offrì agli Scolopi la chiesa di Santa Maria di Caravaggio, in principio di dimensioni ridotte ed intitolata a Santa Maria della Natività[1].

Nel 1627 la chiesa fu dedicata a Santa Maria di Caravaggio, poiché i nuovi arrivati vi conservarono all’interno una tavola dipinta da Michelangelo da Caravaggio. Tra gli Scolopi che abitarono nei nuovi alloggi, c’era il dottor Giuseppe Calasanzio, le cui eminenti virtù lo condussero alla santificazione. Con Giuseppe Calasanzio la chiesa ritornò al suo nome originario, Santa Maria della Natività[2].

Circa novanta anni dopo, quei religiosi ampliarono la chiesa, su disegno di Giovan Battista Nauclerio, regio ingegnere e nel 1756 fu nuovamente benedetta.

 

Il Cinema Aurora. Dettagli da un documento

ONOREVOLE COMMISSIONE PROVINCIALE DI NAPOLI

«Il sottoscritto sindaco di Napoli nella sua qualità, appella la decisione emessa il 3/2/967 e notificazione al circolo dipendenti comunali il 2 maggio successivo della Commissione distrettuale in merito al ricorso avverso l’accertamento del reddito attribuito per l’esercizio finanziario 1958- 59 ai locali del Cinema aurora per i seguenti motivi:

 

«Il sottoscritto sindaco di Napoli nella sua qualità, appella la decisione emessa il 3/2/967 e notificazione al circolo dipendenti comunali il 2 maggio successivo della Commissione distrettuale in merito al ricorso avverso l’accertamento del reddito attribuito per l’esercizio finanziario 1958- 59 ai locali del Cinema aurora per i seguenti motivi:

 

  1. i locali sono di proprietà del Comune di Napoli in quanto il complesso del Cinema Aurora è stato ottenuto con la trasformazione del chiostro dalla parte dell’ex convento di Santa Maria di Caravaggio pervenuta ad esso Comune in forza della legge del 7 luglio 1866 n°3036 giusta a verbale di cessione e consegna del Demanio (Fondo culti) il 24 settembre 1867.

Né vi è stato alcun trasferimento di proprietà e fondi del Circolo Dipendenti comunali che ne è soltanto concessionario

 

  1. l’intero complesso dei locali ex conventuali comprendenti quelli del Cinema aurora prima che i registri del catasto urbano fossero distrutti per eventi bellici, erano annotati alla partita 350 Comune di Napoli Piazza Dante 6/93 casa per uso del Municipio

 

  1. ai sensi e per gli effetti del R. D. L. 13 aprile 1939 n°652 riguardante l’aggiornamento del Catasto urbano, il Comune presentò la dichiarazione di proprietà quale unità a se del Cinema aurora sull’apposito modulo, indicando l’uso “cinematografo” possesso donazione e costruzione

 

  1. il Comune quale proprietario non ha mancato d’includere nelle denunzie Vanoni presentate negli anni 1951- 55 il fabbricato di Piazza Dante di cui il Cinema è parte, indicando il complessivo reddito loro

 

  1. soltanto nelle denunzie Vanoni presentate per l’anno 1956 e successive, fino al 1960, il fabbricato venne scisso ai soli fini del reddito in 3 gruppi e per quello riguardante il Cinema aurora pur dichiarando il relativo lordo di lire 127.500 non si determinò e non si conteggiò nell’importo totale dei redditi medesimi quello netto in quanto non si ritennero il locali per la loro destinazione ad uso industriale assoggettabili a tributo fondiario

[1] C. Celano, Notizie del bello, dell’antico e del curioso della città di Napoli, con aggiunzioni di G. B. Chiarini, vol. 6, Napoli 1856-57.

[2] Napoli sacra,Guida alle chiese della città, VI itinerario, a cura di G. Cautela, L. di Mauro, R. Ruotolo, Napoli 1993-1997, pp. 643- 645.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Libreria Guida : un mare di parole dimenticate

Libreria Guida : un mare di parole dimenticate

Tutto ha inizio nel 1920 , quando Alfredo Guida inaugura un luogo dove raccontare e a sua volta generare storia, la Libreria Guida.
Il Gigante di palazzo: la "statua parlante" di Napoli

Il Gigante di palazzo: la “statua parlante” di Napoli

Il Gigante di palazzo, così soprannominato dai napoletani, fu per Napoli quello che Pasquino fu per Roma ed il Gobbo di Rialto per Venezia, ovvero il sito dove si apponevano le satire contro le autorità. I cittadini si piazzavano dietro la statua e iniziavano a raccontare fatterelli scherzosi, deridendo l’operato dei sovrani.
L'antichissima amicizia fra Napoli e la Russia

L’antichissima amicizia fra Napoli e la Russia

L’alleanza fra Napoli e Russia nacque con Ferdinando IV di Borbone che, nel 1779, invitò i diplomatici russi a Napoli. Il neonato Regno, infatti, dipendeva ancora completamente dalla diplomazia spagnola e cercava di acquistare la propria dignità diplomatica. 
La Biblioteca Nazionale di Napoli: un mondo di libri

La Biblioteca Nazionale di Napoli: un mondo di libri

La prima volta che entrai nella Biblioteca Nazionale di Napoli avevo 14 anni. Mi ci portò mia madre, diceva che si trattasse di un posto speciale. Ero in quarto ginnasio e mi stavo allora avvicinando alle prime letture un po’ più serie. Non potevo capire a pieno il valore di tutte quelle opere lì conservate, tutti quei titoli e quegli autori erano per me del tutto sconosciuti.