Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Mancano pochi giorni alla primavera, e noi vogliamo raccontarvi una storia alla sua altezza. Da dove partiamo? Da Bacoli.

Bacoli è tutta un vulcano, e non stiamo parlando soltanto di geologia. Fondata dagli antichi romani e meta agognata di villeggiatura per i patrizi e gli imperatori, Bacoli ha una bella energia e il fuoco sotto i piedi, come si suol dire.

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Il cuore di questo vulcano è il Parco Cerillo, rinato da qualche anno e che non è mai troppo tardi per scoprire.

La storia del Parco Cerillo

Nel marzo 2015, quindi esattamente quattro anni fa, è partito un bellissimo progetto realizzato dai giovanissimi volontari che ora gestiscono l’area, e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale.

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Il parco, che versava in uno stato di semi-abbandono, è stato interamente recuperato da volontari e restituito in tutto il suo splendore alla comunità.

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

La riqualificazione non è un progetto finito, ma un’attività che anzi continua giorno dopo giorno per la pulizia e la manutenzione del giardino, che è stato fornito di impianto elettrico e di irrigazione, e nel quale sono state posizionate anche le panche.

Ma l’attività che è costata più impegno, e che ha donato la vera svolta al progetto, è stata la restituzione delle vie d’accesso alla parte alta del Parco, dal quale uno splendido panorama sul mare fa immediatamente dimenticare la fatica della salita. Salita che, fino all’intervento dei volontari, era interamente ostacolata e infestata da rovi e da erbacce.

Questa storia sarebbe già bella così, ma non è finita qui. Infatti, le occasioni ricreative e culturali che animano il parco sono tantissime – spettacoli musicali, fiere, mercatini, laboratori didattici per bambini, incontri di lettura, attività sportive e dedicate al benessere

Il Parco Cerillo accoglie i visitatori con dolci, frullati, spremute e centrifughe con agrumi e frutta raccolti per lo più nel Parco – dove sono presenti anche degli orti sociali. La gestione del Parco e del Bar è affidata alla Cooperativa Sociale Tre Foglie.

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Una domenica al mese, tempo permettendo, si incontrano per fare colazione insieme al Parco Cerillo i componenti del Club del Libro Malaussène, per raccontarsi le proprie letture e parlare di cinema e di cultura. E se la primavera non vi ha liberato dagli esami, tranquilli (beh, per quanto possibile…): potrete studiare nella bellissima Biblioteca Comunale, situata proprio nel Parco Cerillo.

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Ve l’avevamo detto che Bacoli era un Vulcano, no?

Beatrice Morra

N.B. tutte le foto sono state recuperate dal sito web o alla pagina Facebook del Parco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Chi sono i personaggi che hanno dato il nome alle aule di Giurisprudenza?

Chi sono i personaggi che hanno dato il nome alle aule di Giurisprudenza?

La facoltà di Giurisprudenza di Napoli ha tante aule intitolate a nomi per lo più sconosciuti, eppure si tratta dei più grandi intellettuali napoletani.
I sette castelli di Napoli e la loro magnifica storia

I sette castelli di Napoli e la loro magnifica storia

Vi raccontiamo la magnifica storia dei sette castelli di Napoli, la città che vanta il primato mondiale per il maggior numero di fortezze in un centro abitato.
Il Filo di Arianna arriva a Sansevero

Il Filo di Arianna arriva a Sansevero

La Cappella di Sansevero cela un incredibile segreto! Sul pavimento Francesco Celebrano, per ordine del Principe stesso, realizzò il disegno di un vero e proprio labirinto!
Il Novizio impossessato dal Diavolo

Il Novizio impossessato dal Diavolo

Un manoscritto ritrovato nella Biblioteca della Chiesa dei Girolamini a Napoli racconta un episodio terrificante. Il novizio Don Carlo Maria Ulcano subì persecuzioni e angheria da parte dei Diavolo in persona per spingerlo a lasciare l’abito monacale. A nulla valsero preghiere ed esorcismi.