100 lupi a piazza Municipio: la minaccia della natura nell’opera di Ruowang

100 lupi a piazza Municipio: la minaccia della natura nell’opera di Ruowang

100 lupi a piazza Municipio: la minaccia della natura nell’opera di Ruowang

100 lupi a piazza Municipio: la minaccia della natura nell’opera di Ruowang

Un enorme guerriero dalle spalle imponenti impugna saldamente una spada, pronto a difendersi da ogni eventuale attacco. Ma a minacciarlo sono ben cento lupi inferociti dalle fauci spalancate che lo circondano. Questa è la scena che si presenta oggi a piazza Municipio: un branco di predatori da tre tonnellate di ferro invade il centro Napoli.

Si tratta dell’immensa scultura dell’artista cinese Liu Ruowang intitolata “Wolves coming”, già in precedenza esposta parzialmente alla Biennale di Venezia e all’Università di Torino, ma a Napoli presentata per la prima volta completa.

Inaugurata con la presenza dell’autore stesso e del sindaco Luigi de Magistris sarà esposta fino al 13 marzo 2020.

100 lupi a piazza Municipio: la minaccia della natura nell’opera di Ruowang
100 lupi a piazza Municipio: la minaccia della natura nell’opera di Ruowang

L’installazione di questo progetto monumentale aveva inizialmente creato delle perplessità, ma le reazioni all’esposizione sono state positive. I passanti interagiscono con la scultura, abbracciando o sedendosi sugli animali e scattando foto. Un’opera d’arte che si mescola tra la gente, si fonde con le persone, come a simboleggiare che il messaggio che porta con sé è più vicino a noi di quanto si possa pensare.

I lupi sono metafora della natura che si ribella all’uomo, un guerriero tanto forte ma che ormai appare impotente dinanzi a quella forza inarrestabile. Circondato da un mondo che lo ha sempre accolto, adesso è il mondo stesso che sembra gli si rivolga contro.

L’obiettivo di Ruowang è quello di far riflettere e reagire il suo pubblico all’ormai evidente cambiamento climatico.

”In Cina l’immagine del lupo è associata al lavoro di gruppo, di branco. Attraverso questa installazione voglio far capire alla gente che per costruire un mondo più bello è necessario che tutti gli uomini lavorino insieme Ho scelto la città di Napoli per aver un incontro con il Mondo. Inoltre credo che Napoli sia una città dinamica e ricca di passione.”

Laura d’Avossa

fotografie Federico Quagliuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like
Palazzo Venezia, tra storia e bellezza

Palazzo Venezia, tra storia e bellezza

Non a caso Palazzo Venezia venne chiamato così: donato dal Regno di Napoli per ospitare gli ambasciatori della Serenissima, cadde in disuso per poi ritornare a nuovi fasti nella prima metà del XIX secolo grazie a Gaspare Capone che fece edificare la casina pompeiana e riabellì il giardino pensile.