Vico Orto del Conte, una stradina (sbagliata) che ricorda un giardino del '400

Vico Orto del Conte, una stradina (sbagliata) che ricorda un giardino del ‘400

Sembra difficile immaginarlo, ma c’era un bellissimo giardino al posto di Corso Umberto e dei mille vicoletti alle spalle di Via Duomo. Questa storia possiamo scoprirla nel nome di una stradina sopravvissuta per miracolo al Risanamento e che, sei secoli fa, rappresentava probabilmente il confine di un grande terreno.

Vico Orto del Conte
La targa riporta anche un nome sbagliato!

Quale orto del Conte?

Il misterioso conte al quale si riferisce il cartello non è quello di Boris. Si tratta di Diomede Carafa, l’uomo più potente della Napoli aragonese. Diventò conte di Maddaloni e i suoi discendenti ottennero, di lì a poco, anche la contea di Cerreto Sannita. Anzi, si può dire che i Carafa furono gli uomini ai quali i cerretesi devono ancora oggi la vita.

A Napoli la famiglia nobiliare viveva nel magnifico palazzo quattrocentesco che oggi si trova a Spaccanapoli ed aveva, fra i vari possedimenti, un enorme appezzamento di terra nelle immediate adiacenze delle mura della città, nella zona che oggi si trova più o meno fra Piazza Mercato e Piazza Quattro Palazzi. Il possedimento era adibito ad orto e vivevano in zona poche famiglie di braccianti.

Orto del Conte
Napoli aragonese. Sulla destra c’è l’Orto del Conte

Un intervento aragonese

Nel 1484 Ferrante d’Aragona decise di espandere le mura della città, dato che Napoli era in rapidissima crescita: le nuove mura furono poste all’altezza dell’attuale Piazza Garibaldi e avevano gli ingressi nell’attuale Porta Nolana. Fu così che quel grande giardino di Diomede Carafa rientrò nei confini cittadini e, per decreto reale, fu destinato ad uso abitativo.

L’orto fu diviso fra privati cittadini, selezionati scegliendoli da liste nelle quali furono iscritte le richieste, e lì furono costruite le prime case che, lentamente, divorarono l’intero campo antico.
Le case cinquecentesche resistettero fino al Risanamento, quando l’intera zona fu completamente rasa al suolo e ricostruita. La commissione di toponomastica cittadina, però, decise di preservare il nome antico di quella strada, vico Orto del Conte, che ancora oggi è l’ultima testimonianza di tempi antichissimi.

-Federico Quagliuolo

Questa storia è dedicata a Marcella Tabacchini per la sua generosa donazione. Sostieni anche tu Storie di Napoli: ogni donazione è fondamentale per rimanere in vita!

Riferimenti:
Gino Doria, Le strade di Napoli
Alfredo D’Ambrosio, Le strade di Napoli antica nella città moderna

Storie di Napoli è il più grande sito web dedicato alla cultura napoletana. È e sarà sempre gratuito, ma dietro c'è tanto lavoro fatto di notti insonni, ricerche, viaggi e sopralluoghi.
Sostieni le nostre ricerche con una donazione!






Vico Orto del Conte, una stradina (sbagliata) che ricorda un giardino del '400
You May Also Like
La leggenda della Strega del Vesuvio

La leggenda della Strega del Vesuvio

La leggenda di una strega sul Vesuvio è molto antica e risale alla metà dell’Ottocento. La storia è stata tramandata oralmente e racconta una vicenda avvenuta in seguito all’eruzione del Vesuvio del 1858, durante la quale ci fu un’incredibile effusione di lava.
Polifemo, secondo Tucidide, viveva a Nisida

Polifemo, secondo Tucidide, viveva a Nisida

Nisida ha due enormi scogli a forma di guglia chiamati “da Levante” e “da Ponente” che si trovano ai due lati opposti e questi potrebbero essere i massi scagliati da Polifemo; in più Nisida era semi disabitata ed era la terra delle “caprette”, proprio come l’isoletta su cui sbarcò Ulisse insieme ai suoi.