“Abbrùcialo ‘a barba e dice ca so’ stat’i’!”: il proverbio e l’aneddoto

Von Beatrice Morra

Abbrùcialo ‘a barba e dice ca so’ stat’i’! 

Quanti di voi hanno mai sentito, magari per bocca di un nonno o di un anziano parente, questo antichissimo detto napoletano? Esso non è sicuramente dei più famosi, eppure l’aneddoto curioso alle sue origini è estremamente emblematico dell’ironia napoletana.

L’aneddoto all’origine del proverbio

Pare, infatti, che durante la celebrazione  di un’Agonìa, un predicatore reggesse in una mano un crocifisso e nell’altra una candela accesa. Avvicinando questa al primo, in diversi punti, e rivolgendosi ad un ipotetico interlocutore, egli pronunciava una serie di formule: “Vedi il chiodo infisso in questa mano? Lo hai conficcato tu, peccatore! E la ferita nel costato? L’hai prodotta tu, peccatore! E la corona di spine? Gliel’hai posta tu sul capo, peccatore!”.

 

Gli occhi di coloro che assistevano alla predica seguivano ipnoticamente la fiamma della candela. Finché uno degli spettatori, impertinente e coraggioso, urlò: “Mo’ abbrùcialo pure ‘a barba e po’ dice che so’ stat’i’!”. 

Da questo divertente aneddoto, quasi sicuramente leggendario, nacque allora il proverbio napoletano: proverbio per chi, con ironia e arguzia, voglia difendersi da ingiuste accuse.

Beatrice Morra 

Literaturverzeichnis

Proverbi e modi di dire napoletani, S. Zazzera, 2001. 

Werden Sie Unterstützer!

Mit einem kleinen Beitrag halten Sie die größte kulturelle Verbreitungsstätte Kampaniens am Leben! Viele Vorteile für Sie

Hinterlasse einen Kommentar

Error: NOTIZ: Sie können den Inhalt nicht kopieren!