Cosa (o chi) si nasconde dietro "Mannaggia ô Pataturco!"

Cosa (o chi) si nasconde dietro “Mannaggia ô Pataturco!”

Il mignolo del piede che sbatte contro l’angolo di un mobile, un vestito nuovo macchiato irrimediabilmente, una ruota bucata, un avvenimento particolarmente sfortunato; quante volte ci ritroviamo ad essere vittime di piccole disgrazie quotidiane, e in un momento di rabbia e frustrazione ci scappa una frase sentita e risentita da migliaia di generazioni: “Mannaggia ô Pataturco!”

Ma chi è questo Pataturco contro il quale tutti sbuffano e imprecano?

Innanzitutto va fatta una precisazione: lontano da ciò che può sembrare a primo impatto, ‘mannaggia’ non chiama in causa nessuna divinità religiosa. Molti associano il termine “mannaggia” ad una corruzione di “Madonnaccia”, di conseguenza l’esclamazione di rabbia non sarebbe altro che una terribile bestemmia. Invece non è altro che un’espressione di stizza o di rabbia nei confronti di qualcuno/qualcosa e sta per “maledizione a…”: etimologicamente, infatti, il termine è la deformazione della frase “ma(le) n(e) aggia” (=male ne abbia), avvenuta attraverso una sorta di sincope e fusione interna con raddoppiamento espressivo popolare della consonante nasale N.

Mannaggia o pataturco1!-by Lisa90EM

Quindi la frase “mannaggia o Pataturco!” letteralmente significa “male ne abbia il Pataturco!“. Ma il chiamato in causa, il cosiddetto pate de’ turche, non è coloro che tutti pensano. Infatti molti sono convinti che ci si riferisca a  Mustafa Kemal, chiamato Atatürk (padre dei turchi) dagli stessi ex ottomani, fondatore e primo presidente della Repubblica Turca, nata nel 1921.

Ma l’origine è ben altra: sebbene l’espressione sia giunta a noi dopo la Grande Guerra, è anche vero che questa non ha niente a che fare col presidente della Repubblica Turca. Nel 1915 l’espressione in epigrafe non era “mannaggia o’ Pataturco” ma “mannaggia o’ patatucco”, portata a Napoli dai reduci di guerra che avevano combattuto al fronte. Il ‘patatucco’ è la fusione di due termini, “patata” e “crucco”, e il patatucco non era altro che un appellativo dato dai soldati italiani per prendere in giro i nemici austro-tedeschi, considerati sciocchi e adusi mangiatori di patate. “Crucco” è un adattamento italiano del croato “kruh“, che significa “pane”, e inizialmente i soldati italiani lo utilizzarono per soprannominare i prigionieri austriaci di nazionalità croata, i quali rinchiusi nelle celle chiedevano “kruh”, cioè il pane, ai loro carcerieri. Solo successivamente il termine indicherà più genericamente i tedeschi.

Quindi, ricapitolando: mannaggia, ossia “male ne abbia”, o’ patatucco, “il tedesco mangiatore di patate”. Mannaggia o’ Pataturco!

 

Camilla Ruffo

1 comment
  1. tutto molto interessante. Comunque le etimologie spesso hanno un’ampia arbitrarietà, in questo caso da cosa è supportata questa ricostruzione “anti-asburgica”? Ci sono evidenze che l’espressione nasce durante la prima guerra mondiale? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
L'assedio di Napoli: quando Belisario sterminò tutti i napoletani

L’assedio di Napoli: quando Belisario sterminò tutti i napoletani

Ci fu un momento della Storia in cui Napoli rischiò davvero di sparire dalle cartine geografiche. Dobbiamo viaggiare indietro nel tempo di 1500 anni, in secoli confusi e violenti: era…
La tradizione della Pasquetta a Rione Alto

La tradizione della Pasquetta a Rione Alto

Il Rione Alto ha una storia molto triste: oggi è una accozzaglia di edifici senza storia, un tempo era l’antico borgo dei Cangiani, luogo preferito per le vacanze dei napoletani. Vi raccontiamo la bellissima storia di uno dei più importanti quartieri residenziali di Napoli, oggi soffocato dal cemento
Via Chiaia? Era il letto di un fiume!

Via Chiaia? Era il letto di un fiume!

Via Chiaia, centro della bella Napoli, dei negozi, delle luci e della vita del quartiere più modaiolo e ricco della città. Eppure sapevate che questa strada era molto probabilmente un fiume? Ed ancora: conoscevate il vero nome del Ponte di Chiaia?