La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme

La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme

La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Una piccola chiesa abbandonata, incastonata in un vicoletto del sempre affollato Corso Vittorio Emanuele. Molti non l’avranno mai neanche vista, non è facile notarla. Arrivati circa a metà del Corso, infatti, è visibile solamente per pochi secondi nel caotico traffico cittadino.

La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme si trova più precisamente in Piazzetta San Sepolcro e la caratterizza uno spiccato stile barocco.

C’è una particolarità che distingue questa Chiesa da moltissime altre chiese napoletane e non solo! La Chiesa, infatti, non è null’altro che una grotta di tufo. Una grotta di tufo che sta lì da sempre, dalla notte dei tempi, una grotta di tufo che è stata modellata fino a diventare un luogo di culto nel 1500 circa: fu un gruppo di frati a trovare questa grotta naturale ed a trasformarla nel proprio rifugio di ritiro e preghiera.

La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme

La Chiesa del Santo Sepolcro, inoltre, è legato anche ad un personaggio piuttosto famoso in quel di Napoli: Carlo Carafa, oggi venerato nella Chiesa di San Nicola alla Carità. Egli, infatti, trascorse in questa oasi di pace mesi in completo isolamento e preghiera, prima di intraprendere il suo percorso a favore dei meno fortunati (ricordiamo che, una volta ordinato sacerdote, iniziò ad assistere i malati dell’ospedale degli Incurabili e ad occuparsi dei poveri). Quello che, però, duole molto dire, purtroppo, è che tale piccola chiesetta subì le ultime modifiche secoli addietro e risulta oramai abbandonata a se stessa, esposta alle intemperie ed all’incuria di un popolo che, non conoscendone neanche l’esistenza, non ha le capacità per rivalutarla e riportarla all’antico splendore.

 

 

 

-Cristina Bianco 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine tratta da Google Maps

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like

La dimenticata Cappella Pappacoda

“Cappella Pappacoda” è un nome che non risulta familiare a tutti i frequentatori del Largo Giusso, nonostante l’edificio si trovi proprio in mezzo ai palazzi gialli, incastrato in un angolino…
Le origini quasi dimenticate del Vomero

Le origini quasi dimenticate del Vomero

Ci troviamo oggi a via Conte della Cerra , più precisamente dove si trova la parte più alta della stazione della metropolitana di Salvator Rosa; ma cosa rende speciale questo luogo? Il fatto che qui ,incastonati tra i palazzi del boom edilizio degli anni Sessanta, vi siano resti di un’antica strada romana. Questa era la via , denominata Antiniana, che da Napoli ( precisamente da piazza San Domenico Maggiore) conduceva a Pozzuoli passando per la collina del vomero.