La mitica leggenda della Campanella di Capri

La mitica leggenda della Campanella di Capri

E’ decisamente in voga portare una piccola campanella come ciondolo del bracciale o della collana o magari dell’anello. Vi siete mai chiesti il perché? Si tratta della Campana di San Michele da cui è nata la famosissima Campanella di Capri.

Un tempo sull’isola di Capri viveva un pastorello poverissimo che possedeva solo una pecorella a cui era particolarmente affezionato. Una sera si attardò per raccogliere dei fiori e smarrì l’animale, così disperato iniziò ad urlare : “Ho perduto la pecorella, come farò adesso?”.

Improvvisamente da lontano udì il suono di una campanella e pensando che fosse quella della sua adorata pecorella, iniziò a correre scalzo verso quel tintinnio sempre più flebile e preso dalla foga arrivò quasi al ciglio di un precipizio, per un pelo non cadde perché salvato da un bagliore.

Gli apparì San Michele con il suo bellissimo cavallo bianco, gli porse una catenina con una piccola campanella e gli disse : “Piccola creatura prendi questa e seguine sempre il suono, ti salverà da ogni percolo” . In men che non si dica, il pastorello trovò la sua pecorella e tremante per l’emozione, ritornò a casa. Da quel giorno in poi tutti i suoi desideri vennero realizzati. Nacque così la Campanella di Capri, un ciondolo apotropaico.

Nel luogo dell’apparizione oggi sorge un edificio bellissimo: Villa San Michele.

La mitica leggenda della Campanella di Capri

Curiosità sulla campanella di Capri

La Campanella di Capri è un accessorio portafortuna e al finire della Seconda Guerra Mondiale, l’isola di Capri donò questo prezioso oggetto al presidente americano Roosevelt. Dopo un po’ il conflitto cessò, solo un caso?

La mitica leggenda della Campanella di Capri

Anna Barone

Ringrazio Fortuna Romano per lo scatto in copertina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like
Polifemo, secondo Tucidide, viveva a Nisida

Polifemo, secondo Tucidide, viveva a Nisida

Nisida ha due enormi scogli a forma di guglia chiamati “da Levante” e “da Ponente” che si trovano ai due lati opposti e questi potrebbero essere i massi scagliati da Polifemo; in più Nisida era semi disabitata ed era la terra delle “caprette”, proprio come l’isoletta su cui sbarcò Ulisse insieme ai suoi.
Chiesa San Domenico Maggiore

Il tradimento di Maria d’Avalos a San Domenico Maggiore

In questa chiesa ebbe inizio una delle tante storie che popolano ,con il loro vivido ricordo , le strade, i vicoli e le piazze di Napoli. La chiesa da cui partiamo è la Chiesa di San Domenico maggiore, sicuramente una delle più monumentali e affascinanti di tutto il centro storico partenopeo. Oggi però non mi soffermerò sulla sua storia, di quello ci occuperemo la prossima settimana.