Scopri la mappa di tutte le Storie della Campania

Scopri la mappa di tutte le Storie della Campania

Vuoi scoprire luoghi inediti oppure sei semplicemente curioso di conoscere la storia di casa tua? Storie di Napoli ha creato il primo “google maps delle storie”, gratuito e liberamente esplorabile.

Il nostro database conta attualmente più di 1200 racconti di palazzi, castelli, dettagli e targhe: è arrivato il momento di riassumere tutto in una mappa.

Ci ha pensato Nicola De Innocentis, ingegnere ed esperto di cartografia storica, realizzando un’opera dalle proporzioni immense, che ha richiesto settimane di studi e lavoro per piazzare su una cartina i nostri 6 anni di pubblicazioni.

Le storie sono catalogate con diverse tipologie di icone, ognuna rimanda al contenuto della storia: dalle forchette che parlano di cucina ai personaggi, che invece indicano biografie di persone vissute o nate nei luoghi raccontati.

Il nostro lavoro è ancora all’inizio: la mappa è periodicamente aggiornata con tutte le nostre nuove pubblicazioni.

La mappa delle Storie della Campania

Clicca sull’immagine per aprire la mappa: immergiti fra tutte le storie della tua terra! Da smartphone o computer ti basterà zoomare sulla zona da te preferita. Clicca sul punto che ti interessa e potrai leggere l’articolo collegato sul nostro sito: semplicissimo!

mappa di Storie della Campania

Hai un’attività commerciale e vuoi sponsorizzarti su tutti i canali di Storie di Napoli? Scopri Uà, che storia!

Storie di Napoli per superare i confini di una regione

Molti ce l’hanno chiesto: “perché vi chiamate Storie di Napoli, se raccontate anche storie di altre province?”
Il gruppo nacque nel 2014, fra studenti liceali che desideravano raccontare la propria città. Presto capimmo che Napoli non va raccontata solo nei suoi confini e nei suoi monumenti turistici, ma va intesa come simbolo di un intero territorio strettamente connesso con la provincia, a sua volta legato all’Europa intera.

Un tempo gli abitanti di tutto il Sud Italia erano chiamati genericamente “napolitani”: siamo convinti che sia necessario riscoprire l’orgoglio di essere meridionali senza rivendicazioni storiche o politiche e, soprattutto, senza inutili corse ai primati. La cultura è amicizia, dialogo, connessione fra territori: dall’Austria ai Greci al Veneto, passando per l’Oriente e toccando tutti i popoli che sono passati qui in 3000 anni di Storia. Tutti hanno lasciato una traccia, tutti ci hanno resi i “napolitani” di oggi, senza distinzione fra città e provincia.
E una mappa da esplorare è il modo più divertente per cominciare una caccia al tesoro per riscoprire il territorio campano e i suoi legami con l’Europa intera.

Non amiamo chi copia

Copyright Storie di Napoli. Ogni riproduzione, totale o parziale, dei nostri contenuti sarà perseguita secondo legge. Se intendi menzionare una nostra storia, inserisci sempre il link originale e digita il nome dell’autore!

You May Also Like
Quando Rossini fu imprigionato nel palazzo Barbaja

Quando Rossini fu imprigionato nel palazzo Barbaja

Alexandre Dumas ci racconta che, quando giunse il primo giorno del sesto mese, alla richiesta del conte Barbaja di cominciare a comporre, Rossini abbia risposto che doveva andare ad una partita di pesca al Fusaro e per questo impossibilitato ad intraprendere un’opera così maestosa come l’ “Otello”. Fu la goccia che fece traboccare il vaso. Barbaja non ne potè più dei vizi di Rossini e così ebbe un’illuminazione.